Omicidio dello zainetto, ergastoli e condanne contro il clan Mazzarella-D’Amico

camorra condanne ergastoli omicidio zainetto clan Mazzarella-Rinaldi
Le foto dei membri del clan Mazzarella-D'Amico
Oggi è stata pronunciata la sentenza di primo grado contro i mandanti e gli esecutori dell’omicidio di Luigi Mugnano, cognato del boss Ciro Rinaldi. Il Tribunale di Napoli ha condannato all’ergastolo Salvatore Autiero, Pasquale Ariosto, Gennaro Improta, Giovanni Salomone, Giovanni Musella, Umberto Luongo (“uomo nero”, indicato come uno dei reggenti del gruppo) e Ciro Rosario Terracciano (indicato come l’esecutore materiale del delitto).
Sono tutti accusati di aver preso parte alle fasi preliminari e organizzative dell’agguato facente parte della guerra trentennale tra i Rinaldi e i Mazzarella (con la loro appendice dei Luongo-D’Amico). Condannato a 4 anni Giovanni Borrelli, che si occupò di far sparire il mezzo usato per l’agguato mentre il collaboratore di giustizia Umberto D’Amico ‘o lione è stato condannato 14 anni di reclusione.

L’agguato al Rione Villa all’entrata dei bambini a scuola

Quel feroce episodio di cronaca passò alla storia come l’omicidio dello zainetto. Il raid criminale avvenne, tra via Sorrento e via Ravello, intorno alle 8,30 del mattino, orario di ingresso dell’Istituto Vittorino da Feltre, nel cuore del Rione Villa, nell’area Est di Napoli, tormentata dalle aggressioni della criminalità organizzata.

Numerosi i colpi di pistola esplosi da due sicari a bordo di uno scooter. In zona fu trovata un’auto crivellata di proiettili. Inizialmente gli inquirenti credettero che l’obiettivo del commando di fuoco fosse Pasquale Mignano, ferito a una gamba e ricoverato all’Ospedale del Mare. Dopo si collegò il suo ferimento all’uccisione del padre, cognato del boss Ciro Rinaldi.

Luigi Mignano aveva precedenti per estorsione, droga e anche 416 bis e secondo gli investigatori era vicino al clan Rinaldi, egemone della zona e da tempo in guerra con il clan Mazzarella per il predominio su San Giovanni a Teduccio.  Pasquale Mignano, invece, non aveva precedenti ma solo violazioni al codice stradale.