Convalidato dal Gip il fermo disposto dalla Dda a carico di Salvatore D’Amico “o’pirata”  il ras dell’omonimo clan di San Giovanni a Teduccio alleato dei Mazzarella. È accusato di tentata estorsione insieme con un gruppo di fedelissimi, tra cui il nipote Salvatore Salomone (figlio di Giovanni, ferito nei pressi di casa il 18 aprile scorso, in corso Protopisani). In manette sono finiti anche Salvatore Cianniello e un altro indagato mentre un quinto uomo coinvolto nell’inchiesta mercoledì scorso è sfuggito alla cattura.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.