“Nessuna! Siamo infatti gli unici disponibili a lasciare le poltrone. Se le nostre idee servono, ci siamo. Se le nostre idee non servono, tenetevi anche le poltrone”. Così Matteo Renzi nell’e-news sulla richieste di ‘poltrone’ da Iv. “Le veline del Palazzo riempiono i giornali di totoministri. Chiacchiere buone solo per far passare il messaggio che si risolve tutto con un rimpastone. Noi invece abbiamo messo nero su bianco i contenuti: spese sanitarie, alta velocità, vaccini, scuola, cultura, posti di lavoro”.

Le mosse di Conte per evitare la crisi 

“Magari avessimo un problema personale: noi abbiamo un problema politico con Conte”, ha scritto ancora nell’e-news. “Sul Recovery, sul Mes, sull’intelligence, sulla scuola, sull’alta velocità, sul garantismo, sul ruolo internazionale dell’Italia e sulla presenza nel Mediterraneo, sul rapporto con gli Stati Uniti, sul lavoro e il reddito di cittadinanza, sulla crescita, sullo stile istituzionale ho argomentato idee diverse. Non è un fatto personale, si chiama politica. E ho messo nero su bianco le nostre riflessioni per evitare che fossero sostituite dalla “narrazione” dei portavoce”.

Sul Recovery lo stralcio della Fondazione sulla Cybersecurity e le modifiche ai saldi nel testo (con maggiore spazio agli investimenti, con un occhio ai dossier cari ai Dem) in Iv viene considerato un inizio, non di più. E’ la cessione della delega ai Servizi che, forse, sbloccherebbe davvero l’impasse. Una mossa su cui Conte sembra quasi essersi convinto dopo aver davvero accarezzato l’idea del ritorno alle urne. “Conte è una persona responsabile, e lo sta dimostrando”, spiega una fontec he ha dimestichezza con il premier. La casella Servizi rientrerebbe nel rimpasto per il Conte-ter, che vede nel Viminale il suo nodo. Sul ministero la vigilanza del Colle resta alta.

Le possibilità della crisi di Governo

Al Quirinale, spiegano fonti parlamentari, potrebbero anche accettare un corposo rimpasto – con conseguente nuova fiducia delle Camere – ma più problematico sarebbe inserire un leader politico al posto di Luciana Lamorgese, figura tecnica di garanzia. E non è un dato di poco conto, visto che il titolare del Viminale sarebbe pronto, da servitore dello Stato, a farsi da parte, anche se probabilmente servirebbe una chiamata dal Quirinale e l’esplicitazione da parte delle forze politiche che non viene sostituita per inefficienza.

Il triangolo che vedrebbe Renzi alla Farnesina e Luigi Di Maio all’Interno sembra, così, morire sul nascere. Possibile,invece, che sia la Difesa ad andare a Iv, con conseguente spostamento di Lorenzo Guerini.  “Se il tema è sui dossier e pure sulle poltrone, lo si faccia capire.Non si può andare da Renzi a chiedergli “ti va bene questo ministero?”, sottolinea una fonte di maggioranza tradendo una tensione che potrebbe stoppare qualsiasi intesa. “Se non hanno più voglia noi siamo pronti”, è la mossa di Matteo Salvini. Che sul possibile premier non fa né nomi né cognomi.

Governo: Renzi, ‘Accordo sui contenuti. Poi vedremo se Conte o un altro’

“Noi in Italia abbiamo qualche problema in più, la maglia nera del rapporto fra morti e popolazione, con un livello di decessi inaccettabile, non andiamo benissimo con i vaccini.

In termini tecnici la situazione è un disastro”. Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, a Quarta Repubblica, su Rete 4.  “Ma certo che non faccio ministro, si rende conto se dopo tutto questo casino mi metto d’accordo con Conte per fare il ministro?” ha precisato Renzi. “Se Conte ha i numeri per governare senza di noi, evviva. Non sarò complice di uno spreco di denaro pubblico” ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, a Quarta Repubblica, su Rete 4. “Contarsi in Parlamento? Facciamolo. Quand’è la data del Parlamento, quando è la riunione? L’ho letto anche io che ha detto ci vediamo in Parlamento. Ci vediamo. Per me non è una minaccia, è democrazia. Conte doveva venire in Paramento quando si parlava di Bilancio, invece di fare conferenze stampa con Casalino. E in ultimo un attacco al commissario Arcuri. “Chi è Arcuri Superman? Le mascherine le gestisce Arcuri, i vaccini Arcuri, gli facciamo condurre anche questa trasmissione?”.

Sul Recovery

Dice il leader di Iv, “Il governo non ci ha risposto. La narrazione è che dico una cosa e tutti mi attaccano perché dicono: è Renzi che lo dice. Stavolta l’ho messo nero su bianco”. Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, a Quarta Repubblica, su Rete 4. “Perché l’Italia funzioni ho messo una serie di puntini. Quello che dico è vero o no? La questione non è Renzi o non Renzi. Questi punti sono veri o no? Non sto facendo una battaglia personale. Per ora non ho ottenuto nulla”. “Possiamo stare sui contenuti? Vaccini: si può fare meglio sì o no? Quando siamo d’accordo sui contenuti poi scegliamo le persone. Secondo me i ministri che ci sono ora non sono i migliori del mondo, secondo il presidente del consiglio sì. Però sarà il presidente del consiglio, che sia Conte o sia un altro, lo vedremo…”. Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, a Quarta Repubblica, su Rete 4.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.