Follia a Roma, rissa tra 400 ragazzi: avevano iniziato a litigare sui social [Video]

Follia a Roma, rissa tra 400 ragazzi: avevano iniziato a litigare sui social [Video]
Follia a Roma, rissa tra 400 ragazzi: avevano iniziato a litigare sui social [Video]

Scene di vera e propria follia quelle viste sabato pomeriggio tra Piazza del Popolo e il Pincio, dove è avvvenuta una maxi rissa tra giovanissimi. Ogni singola regola anti-covid, ovviamente, è saltata. Stando ad una prima ricostruzione, un numero enorme di ragazzi si sarebbe dato appuntamento sui social tramite un tam tam. Una volta che questi si sono incontrati non ci è voluto molto affinché la situazione degenerasse. Molti dei ragazzi, inoltre, erano anche sprovvisti di mascherina.

Le multe

Sono stati multati per aver violato l’obbligo di indossare la mascherina e il divieto di assembramento i ragazzi identificati in seguito alla maxirissa verificatasi ieri nel tardo pomeriggio nel piazzale del Pincio a Roma.

«Inaccettabili le scene di violenza sulla terrazza del Pincio a Roma. L’assembramento di ragazzi senza mascherina è un’offesa ai sacrifici che tutti stiamo facendo in questo momento». La sindaca Virginia Raggi ha commentato così la vicenda su Twitter. «Auspico che inquirenti e forze dell’ordine individuino e puniscano i responsabili» aggiunge. Numerose le segnalazioni arrivate alla polizia e ai carabinieri, ma le forze dell’ordine sono interventute quando le acque si erano calmate.

I motivi che hanno scatenato la rissa

Stando alle prima informazioni raccolte, tutto sarebbe iniziato da due ragazzi che in passato avrebbero avuto alcuni dissidi. Prima hanno iniziato ad insultarsi, con le rispettive comitive che riprendevano con i cellulari e postavano i video sui social. Poi, dalle parole si è passati alla violenza. Immagini che lasciano senza parole sia per la violenza, sia per aver scatenato una rissa del genere in un momento storico così difficile.

[Qui sotto, il video della rissa]

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.