Conflitto a fuoco a Caserta, le condizioni di Lamonica: lo squilibrato che si fingeva militare

Nel pomeriggio di ieri, Gianfranco Lamonica, per diversi minuti ha terrorizzato il quartiere ed i clienti del bar di via Vescovo Natale a Caserta. Il militare ha puntato una pistola, poi rivelatasi una replica priva del tappo rosso, e  si è barricato nel bar Chimera dicendo di voler fare una strage. L’uomo, 40 anni circa, quando si è rivolto con la pistola contro le forze dell’ordine, è stato centrato dai colpi esplosi dalla polizia. E’ stato ferito al braccio e di striscio ad una gamba, e non sembrerebbe in pericolo di vita

Lamonica, residente nel quartiere Puccianiello, girava spesso in tuta mimetica, e parlava spesso del suo lavoro in Afghanistan. O almeno era quello che aveva fatto credere, perchè in realtà l’uomo non è mai stato un militare se non per la leva, nel 1998. Disoccupato nulla facente e con il vizietto dell’alcol, vive con l’anziana madre e in casa aveva quattro pistole e quattro fucili ad aria compressa.