Allarme bomba sul volo Ryanair, arrestati due passeggeri dopo l’atterraggio di emergenza

Allarme bomba sul volo Ryanair
Allarme bomba sul volo Ryanair

Due uomini arrestati dopo che un volo Ryanair ha fatto un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Stansted. Trovato un biglietto in un bagno in aereo in cui si affermava che c’erano “esplosivi a bordo”. Due caccia intercettori Eurofighter Typhoons sono stati fatti alzare in volo da una base RAF nel Lincolnshire per aiutare a deviare il volo FR1902 dopo che i piloti hanno lanciato un allarme di sicurezza. L’aereo, un Boeing 737, doveva volare da Cracovia, in Polonia a Dublino, in Irlanda, ma invece ha fatto un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Stansted intorno alle 18.40. Un portavoce della polizia aeroportuale ha dichiarato.

Paura sul volo Ryanair

“A seguito di indagini sull’aereo, siamo stati in grado di stabilire che non c’è nulla di sospetto a bordo. “Due uomini, 47 e 26 anni arrestati. L’accusa è di aver minacciato di mettere in pericolo un aereo e sono attualmente in custodia.” Apprezziamo la pazienza e la comprensione di tutti i soggetti coinvolti.”Ryanair si è scusata per il ritardo causato dall’incidente. Ieri un portavoce di Ryanair ha confermato l’episodio dichiarando.

“Il capitano ha seguito la procedura avvisando le autorità del Regno Unito. Ha dirottato verso l’aeroporto più vicino (Stansted), dove l’aereo è atterrato normalmente. Ma è stato parcato su una postazione remota dove i passeggeri sono sbarcati in sicurezza. “L’aeromobile e i passeggeri vengono controllati dalla polizia britannica che deciderà quando potranno riprendere il viaggio a Dublino su un aereo di scorta. “I passeggeri a Dublino in attesa di partire per Cracovia vengono trasferiti su un aereo di scorta per ridurre al minimo eventuali ritardi nel volo.

Le scuse della Compagnia aerea

“Ryanair si scusa sinceramente per il ritardo e l’inconveniente causato alle persone colpite da questa deviazione”.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.