24.5 C
Napoli
venerdì, Maggio 24, 2024
PUBBLICITÀ

Blitz nel napoletano, arrestato pusher ragazzino: spacciava nel rione 219

PUBBLICITÀ

Senza sosta l’attività anti-spaccio dei carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna nei rioni più difficili della città. Ancora una volta in via De Curtis. Ancora una volta i palazzoni ex legge 219 a fare da scenario all’ennesimo arresto per droga. In manette baby pusher.

I carabinieri arrestano pusher ragazzino a Castello di Cisterna

Sta volta, a finire in manette un ragazzino di soli 17 anni, 18 il prossimo giugno. Vive nel cuore di Napoli, ma ieri i militari della sezione operativa di Castello di Cisterna lo hanno sorpreso in trasferta con un ampio campionario di stupefacenti. Addosso aveva 41 dosi di cocaina, 19 di crack, 11 di marijuana e 11 di hashish. Il 17enne è stato portato presso il centro di prima accoglienza dei Colli Aminei dove attende giudizio.

PUBBLICITÀ

Sei pusher arrestati in dieci giorni, il metodo delle bustine colorate

Quello del minore è il sesto arresto in poco più di dieci giorni, segnale di una grande attenzione dei carabinieri nel controllo del territorio. Una presenza forte che si traduce in un contrasto efficace al traffico di droga. Droga di ogni genere, ma prevalentemente crack. Che sembra essere quella preferita dal consumatore nei comuni della provincia nord orientale di Napoli: 1342 le dosi sequestrate negli ultimi giorni. Non solo cristalli ma anche coca, hashish, marijuana ed eroina. Frazionata e confezionata in modo peculiare, con una sorta di firma dello spaccio locale, le bustine colorate. Forse utilizzate dai pusher per individuare immediatamente la varietà richiesta ed evitare tempi morti tra il pagamento e la cessione. Un’opzione compresa nel prezzo che garantisce al cliente e al venditore una transazione rapida.

Avevano già bloccato un 17enne la scorsa settimana

Già lo scorso giovedì 24 marzo, i carabinieri avevano bloccato un 29enne mentre cedeva una dose ad un giovane di 17 anni. L’uomo, originario di Catania, ma residente ad Afragola, è stato arrestato per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. I carabinieri che l’hanno perquisito hanno ritrovato 90 dosi di crack, 35 dosi di cocaina e della somma in contanti di 265 euro.

Il piano ingegnoso del pusher 29enne

In quell’occasione, il pusher aveva creduto di eludere i controlli con un piano ritenuto ingegnoso. Il borsello che custodiva la merce da vendere, infatti, era nascosto sotto la tettoia di una cappella votiva. Il 29enne, senza nulla addosso, prendeva i soldi dall’acquirente per poi andare al vicino altarino e prelevare quanto ordinato. Per lui un gioco da ragazzi data la statura di quasi due metri. Probabilmente non aveva pensato, però, che proprio la sua corporatura poteva essere facilmente notata da chi osserva. Arrestato, è stato trasferito al carcere in attesa si giudizio.

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Schianto mortale sulla Circumvallazione all’altezza di Gloria, coinvolti due scooter

Nella tarda mattinata di oggi è avvenuto un incidente mortale lungo la Circumvallazione Esterna. Secondo i primi rilievi un...

Nella stessa categoria