coprifuoco
''Coprifuoco alle 23? Io andrei anche oltre perché penso che concentrare gli orari a questo punto è un errore. Se si va verso le riaperture io sono per riaprire totalmente tutti gli spazi all'aperto''. Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a Tagadà su La7, in merito al dibattito sullo spostamento del coprifuoco dalle ore 22 alle ore 23. ''Con l'avvicinarsi della primavera soprattutto nelle zone più temperate del nostro Paese, e quindi in tutta Italia - ha aggiunto - dobbiamo utilizzare soprattutto gli spazi all'aperto, ovviamente con mascherine e distanziamento, 24 ore su 24 così da evitare qualsiasi forma di concentrazione. In questo modo - ha concluso - si potrebbe garantire la sicurezza, per quanto possibile, allo stesso tempo aumentare i vaccini e far riprendere le attività economiche, sociali e culturali''. Coprifuoco, arriva la decisione sul Governo: bocciata la proposta delle Regioni Il nuovo decreto Covid, valido dal 26 aprile al 31 luglio, è atteso al Consiglio dei ministri convocato, a quanto si apprende, alle 17 per l’esame del decreto legge con le nuove misure per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali. Dal 26 aprile torneranno le zone gialle, in molti torneranno a scuola e potranno riprendere molte attività all’aperto, ma non sarà un ‘liberi tutti’ e il governo dovrebbe mantenere il coprifuoco alle 22, anche se il presidente del FVG e della Conferenza delle Regioni conferma la proposta di spostarlo alle 23. La decisione “Sul coprifuoco – ha detto Fedriga a Radio Capital – c’è un’interlocuzione con il Governo. La Conferenza delle Regioni propone, misura assolutamente responsabile, l’ampliamento di un’ora, fino alle 23, per permettere alle attività, nei limiti delle regole, di avere un minimo di respiro”. Riaprire i ristoranti al chiuso prima del primo giugno “è la nostra proposta – ha spiegato inoltre Fedriga – dopodiché non decidono le Regioni ma il Governo. Stiamo cercando di porci in modo costruttivo”.

”Coprifuoco alle 23? Io andrei anche oltre perché penso che concentrare gli orari a questo punto è un errore. Se si va verso le riaperture io sono per riaprire totalmente tutti gli spazi all’aperto”.

Lo ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a Tagadà su La7, in merito al dibattito sullo spostamento del coprifuoco dalle ore 22 alle ore 23. ”Con l’avvicinarsi della primavera soprattutto nelle zone più temperate del nostro Paese, e quindi in tutta Italia – ha aggiunto. Dobbiamo utilizzare soprattutto gli spazi all’aperto, ovviamente con mascherine e distanziamento, 24 ore su 24 così da evitare qualsiasi forma di concentrazione. In questo modo – ha concluso – si potrebbe garantire la sicurezza, per quanto possibile, allo stesso tempo aumentare i vaccini e far riprendere le attività economiche, sociali e culturali”.

Coprifuoco, arriva la decisione sul Governo: bocciata la proposta delle Regioni

Il nuovo decreto Covid, valido dal 26 aprile al 31 luglio, è atteso al Consiglio dei ministri convocato, a quanto si apprende, alle 17 per l’esame del decreto legge con le nuove misure per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali. Dal 26 aprile torneranno le zone gialle, in molti torneranno a scuola e potranno riprendere molte attività all’aperto, ma non sarà un ‘liberi tutti’ e il governo dovrebbe mantenere il coprifuoco alle 22, anche se il presidente del FVG e della Conferenza delle Regioni conferma la proposta di spostarlo alle 23.

La decisione

“Sul coprifuoco – ha detto Fedriga a Radio Capital – c’è un’interlocuzione con il Governo. La Conferenza delle Regioni propone, misura assolutamente responsabile, l’ampliamento di un’ora, fino alle 23, per permettere alle attività, nei limiti delle regole, di avere un minimo di respiro”. Riaprire i ristoranti al chiuso prima del primo giugno “è la nostra proposta – ha spiegato inoltre Fedriga – dopodiché non decidono le Regioni ma il Governo. Stiamo cercando di porci in modo costruttivo”.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.