covid

Una perdita di fatturato pari a circa 35 miliardi di euro rispetto al 2019. E’ quanto ha perso il mondo del wedding a causa della pandemia Covid. ”Il 2020 è stato un anno terribile per il nostro settore, siamo in ‘zona rossa’ da 13 mesi, da marzo 2020 ad oggi. E’ un danno incalcolabile per l’intera filiera”, afferma Luciano Paulillo, presidente AIRB (Associazione Italiana Regalo e Bomboniera) che evidenzia come ”tra dpcm e ordinanze regionali, che hanno impedito di svolgere cerimonie e feste religiose, a cui si aggiunge la chiusura delle chiese anche nei periodi di apertura sociale, abbiamo ad oggi oltre un anno di inattività totale”.

Il comparto wedding perde l’80% causa Covid

I numeri dicono che a livello nazionale il comparto ha perso l’80 per cento del fatturato, pari a ben 29 miliardi di euro per il 2020, mentre il 100 per cento da gennaio a marzo 2021. L’associazione, prendendo a riferimento i dati Istat, rileva che nel 2020 ci sono 85mila matrimoni contro i 170mila dello stesso periodo del 2019 e i 182mila nel 2018; in Italia tra gennaio e luglio 2020 sono stati celebrati 34.059 matrimoni mentre nello stesso periodo del 2019 furono 101.461 e nel 2018 furono 107.990. Nel primo trimestre 2020, che ha scontato gli effetti della pandemia Covid solo limitatamente al mese di marzo, la diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2019 risulta del 20 per cento circa per matrimoni, unioni civili, separazioni consensuali presso i tribunali.

E’ nel secondo trimestre 2020 che si delinea ”il vero crollo” a causa delle ”pesanti restrizioni relative alla celebrazione dei matrimoni religiosi durante il lockdown, così come per quelle finalizzate a ridurre gli eventi di stato civile che hanno luogo nei Comuni”. La diminuzione rispetto al secondo trimestre 2019 è stata di circa 80 per cento per i matrimoni. Di circa 60 per cento per le unioni civili e le separazioni/divorzi consensuali presso i Comuni e i tribunali. Una crisi che mette a rischio migliaia di posti di lavoro

SE VUOI RESTARE SEMPRE AGGIORNATO VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.