denise pipitone

L’ex pm Angioni venerdì a Mattino 5 ha rivelato che l’autore della lettera anonima è uscito allo scoperto ed ha incontrato l’avvocato Giacomo Frazzitta. Secondo i primi rumor l’uomo nella missiva avrebbe fatto anche i nomi dei rapitori e adesso è arrivata una conferma. La criminologa Anna Vagli ospite dell’ultima puntata di Pomeriggio 5 ha ribadito che l’autore anonimo ha identificato i presunti rapitori di Denise Pipitone.

“L’anonimo è uscito allo scoperto, è un uomo. Lui si è recato nello studio di Giacomo Frazzitta ed ha rivelato quello che è successo dopo il sequestro di Denise Pipitone. Lui mentre circolava si è trovato all’incrocio tra via Salemi e via della Pace a poche centinaia di metri dalla casa di Piera Maggio. La sua auto si è accostata ad un’altra, a bordo della quale c’era Denise Pipitone con 3 persone. Lui ha riconosciuto tutti. Il signore ha indicato a Frazzitta i loro nomi e cognomi, pare sia uomini. Sono volti da lui conosciuti e questo è il motivo per cui non ha parlato per questi 7 anni. O è già andato o andrà presto in procura. Potrebbero scattare tra poco gli arresti, siamo vicini”.

 

 

Il mistero della scomparsa di Denise Pipitone si infittisce. A Storie Italiane Giacomo Frazzitta, il legale di Piera Maggio, ha smentito di aver incontrato il super testimone, l’autore della lettera anonima in cui assicura di aver visto la bambina in auto con tre uomini. “Non si è fatto vivo con me, è ancora anonimo“, ha spiegato l’avvocato ad Eleonora Daniele, negando così le indiscrezioni degli ultimi giorni.

“Io lo sto attendendo ancora, non è vero che l’ho incontrato, e comunque se l’avessi visto e lo direi sarebbe gravissimo. Io l’attendo l’anonimo ma se rimane tale vale zero… Parlate, venite in Procura, non bisogna più avere paura dopo 17 anni, basta”, ha aggiunto Frazzitta che, insieme a Piera, non ha mai perso la speranza di ritrovare la piccola Denise.

Una perizia sulla firma può svelare la verità

 

L’avvocato Giacomo Frazzitta, legale della famiglia di Denise Pipitone, la bimba scomparsa il primo settembre del 2004 a Mazara del Vallo, ha affidato una perizia grafologica. La consulente è Sara Cordella di Venezia, grafologa forense, per accertare la paternità della firma sul registro delle presenze nel posto di lavoro di Anna Corona.

Indagati per la scomparsa di Denise Pipitone

La donna, iscritta nei giorni scorsi nel registro degli indagati dalla Procura di Marsala insieme a Giuseppe Della Chiave, è l’ex moglie di Piero Pulizzi, il papà naturale di Denise e attuale marito di Piera Maggio, la mamma della bimba. Anna Corona ha sostenuto che quando avvenne il sequestro di Denise era al lavoro, ma dagli accertamenti emerse che in realtà si sarebbe allontana dall’albergo di cui era dipendente. Adesso una collega di lavoro, Francesca Adamo, ha confermato di avere firmato lei il registro presenze, il cui orario d’uscita segnava le 15:30. nel corso di un’intervista al programma di Rai Uno “La Vita in diretta”.

 

 

 

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.