Niente folla sul lungomare prima della zona rossa. I ristoranti sono quasi tutti chiusi, dato il fatto che in zona arancione questi potevano lavorare solo con l’asporto ed il delivery. Quelli aperti, invece, sono pochi. Così come poche sono anche le persone che decidono di prendere una pizza o un aperitivo da gustarsi a casa o in strada. A riportare i dati è Il Mattino.

Anche ai baretti di Chiaia lo zona è poco frequentata per essere un sabato. Anche qui, come sul lungomare, poche attività aperte prima dell’annunciata chiusura di domani. Certo, runner e automobilisti restano, ma senza che si verifichino assembramenti. Serrati anche i controlli delle forze dell’ordine.

La Campania finisce in zona rossa, le regole per le visite ad amici e parenti

Ieri Il Ministro della Salute ha firmato l’ordinanza che decreta da lunedì 8 marzo la zona rossa in Campania. Roberto Speranza ha preso atto dei dati del Monitoraggio Covid 19 della Cabina di Regia. Passano in area arancione Friuli Venezia Giulia e Veneto.

In zona rossa sono consentiti esclusivamente i seguenti spostamenti. Comprovati motivi di lavoro, salute o necessità anche verso un’altra Regione o Provincia autonoma. Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Non sono consentiti gli spostamenti verso abitazioni private abitate diverse dalla propria, salvo che siano dovuti a motivi di lavoro, necessità o salute.

Il rientro a casa dopo essere andati a trovare amici o parenti deve sempre avvenire tra le 5.00 e le 22.00, su tutto il territorio nazionale e indipendentemente dal fatto che il giorno sia feriale o festivo. I motivi che giustificano gli spostamenti tra le 22.00 e le 5.00 restano esclusivamente quelli di lavoro, necessità o salute.

LE PASSEGGIATE IN ZONA ROSSA

Le passeggiate sono ammesse, in quanto attività motoria, esclusivamente in prossimità della propria abitazione. Sono chiaramente ammesse, inoltre, nel caso siano motivate per compiere gli altri spostamenti per andare al lavoro, per motivi di salute o necessità.

In ogni caso, tutti gli spostamenti sono soggetti al divieto generale di assembramento, e quindi dell’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza minima di 1 metro fra le persone. Resta comunque consentita la passeggiata per accompagnare i minori o le persone non completamente autosufficienti.

LE PAROLE DI DE LUCA

“Ormai siamo in zona rossa, perché questo livello di contagio non si può reggere. In Ospedale si riversa ormai di tutto, in particolare al Cardarelli”, ha dichiarato ieri il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca su Facebook.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Pubblicità