La conferma della sentenza di condanna a sei anni di reclusione nei confronti di Paolo Cammarota, il custode di Città della Scienza accusato di essere responsabile dell’incendio che la sera del 4 marzo 2013 distrusse un ampio settore della struttura, è stata chiesta oggi dal pg al processo di secondo grado cominciato davanti alla terza sezione della Corte di Appello di Napoli. Il processo riprenderà il 12 novembre prossimo con l’arringa dell’avvocato Giuseppe De Angelis, legale di Idis Città della Scienza che si è costituita parte civile. La sentenza di primo grado a carico di Cammarota, imputato di incendio doloso, fu emessa il 2 dicembre 2016 dal gup Maria Aschettino al termine del processo con rito abbreviato.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.