Prende una testata per difendere la mamma dal fratello: arrestato 20enne a Napoli

I carabinieri della stazione di Poggioreale hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate nei confronti di un 42enne di Poggioreale già noto alle forze dell’ordine.

Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale di Napoli su richiesta della IV sezione “violenza di genere e tutela delle fasce deboli della popolazione” della Procura della Repubblica.

L’uomo, tossicodipendente da più di 20 anni, minacciava e picchiava la madre e la sorella da anni per costringerle a dargli i soldi con cui avrebbe comprato la droga. L’episodio cruciale è accaduto la sera del 3 novembre. Ha preteso per l’ennesima volta dalla madre che gli consegnasse denaro e al suo rifiuto è andato in collera: ha iniziato ad ingiuriarla e ad aggredirla.

A difesa dell’anziana è intervenuta la figlia, sorella del soggetto, che si è frapposta ma è stata colpita anche lei. Ha ricevuto una testata al volto che le ha causato un trauma cranico-facciale e il sanguinamento del naso.

Dopo questo episodio la ragazza è prima andata in ospedale, da dove è stata dimessa con una prognosi di 10 giorni, poi dai carabinieri perché si è decisa a denunciare. Ha parlato con i militari raccontando le violenze e le sopraffazioni degli ultimi anni e il perenne stato di ansia in cui vivono lei e la madre.

Poi anche la mamma, chiamata dai carabinieri, non ha nascosto il dramma ed ha confermato tutto quello che subiscono da anni. I militari hanno quindi delineato il quadro della situazione e richiesto all’autorità giudiziaria una misura cautelare per proteggere le vittime.

La Magistratura ha quindi emesso il provvedimento della custodia cautelare in carcere e in forza dell’ordinanza i militari hanno tradotto il 42enne a Poggioreale.