Qualiano. Paura nel centro scommesse, si ubriaca e aggredisce clienti e carabinieri: arrestati zio e nipote

La caserma dei carabinieri qualche ora dopo l'omocidio di Starace

Questa notte i Carabinieri della Stazione di Qualiano hanno tratto in arresto Gennaro Marra, 22 anni, di Villaricca nonché Luigi Caiazzo, 38 anni, di Qualiano, responsabili di violenza, minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale nonché di danneggiamento aggravato.
Marra è stato sorpreso in una sala scommesse mentre minacciava con un coltello senza alcun apparente motivo alcune persone presenti nel locale.
All’intimazione dei Carabinieri smetterla e deporre l’arma bianca, verosimilmente sotto l’effetto di alcolici ha preso a inveire verbalmente nei confronti dei militari dell’Arma venendo bloccato e portato in caserma dopo una breve colluttazione.

Poco dopo si è presentato in caserma Caiazzo, zio del giovane.
Il 22enne ancora sotto effetto dell’alcool ha preso a insultare e minacciare nuovamente i Carabinieri e preso a calci e pugni gli arredi. Lo stesso è stato di nuovo bloccato e reso inoffensivo.
Lo zio, che stava in sala d’attesa, ha iniziato a colpire a testate e calci la vetrata della porta d’ingresso tentando anche di aggredire i militari che però sono riuscito a bloccarlo.
Nel corso della traduzione in una cella di sicurezza Caiazzo ha colpito anche il cofano di una vettura di servizio provocando una vistosa ammaccatura nonché sferrato alcuni pugni contro il vetro posteriore di una portiera.
Nessuno dei coinvolti ha riportato lesioni.
Sottoposto a sequestro il coltello, risultato essere di 18 cm. complessivi e avente lama di 10 cm. motivo per il quale Marra è stato denunciato per porto abusivo di oggetti atti ad offendere.
Gli arrestati sono in attesa di rito direttissimo