Partirà dalla visione delle immagini filmate dai cellulari e da quelle di videosorveglianza presenti in zona l’indagine sulla cruenta rapina avvenuta a Calata Capodichino questa sera ai danni di un rider. In sei contro una persona per portargli via il motorino usato per le consegne. La vittima è stata subito dopo raggiunta dai poliziotti dell’Ufficio Prevenzione generale della Questura che hanno raccolto la sua testimonianza. Subito dopo il rider ha sporto denuncia presso gli uffici di via Medina. Dalla visione dei frame sarà molto forse possibile risalire anche alle targhe dei motorini usati dai rapinatori anche se, è probabile, che quest’ultimi siano a loro volta rubati. Intanto tantissimi napoletani hanno già avviato una raccolta fondi per aiutare la vittima della rapina, un disoccupato di 50 anni che utilizzava il motorino di una delle sue figlie, attraverso sottoscrizioni e iniziative simili.

Indagini lampo della polizia, presi i responsabili della violenta rapina al rider a Napoli: trovato anche lo scooter

Il primo lancio 

 

Una violenta rapina è avvenuta poco fa a Napoli. Dalle prime informazioni i fatti sarebbero avvenuti tra a Capodichino. La vittima è un ragazzo che era a lavoro come riders. È stato circondato da alcuni ragazzi in sella ad altri due scooter. Il riders è stato preso a calci e pugni, tamponato e strattonato fino a costringerlo a scendere. A quel punto due ragazzi salgono sullo scooter e scappano via, prima dell’arrivo delle forze dell’ordine.

Sul caso è intervenuto anche il consigliere regionale Borrelli :”Abbiamo ricevuto questo video sconvolgente relativo a un’aggressione ai danni di un rider che sarebbe avvenuta poco fa a Calata Capodichino. Un gruppo di delinquenti lo aggredisce con inaudita violenza per sottrargli lo scooter con il quale sta effettuando le consegne. Lo gireremo alle forze dell’ordine per risalire agli aggressori. Al rider dico di farsi avanti, anche in forma anonima, perché lo vogliamo aiutare.”

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.