Roberta uccisa dal fidanzato a 17 anni, il corpo ritrovato in un burrone

Roberta uccisa dal fidanzato a 17 anni, il corpo ritrovato in un burrone
Roberta uccisa dal fidanzato a 17 anni, il corpo ritrovato in un burrone

È di Roberta Siragusa, ragazza di 17enne, il corpo ritrovato in un burrone stamattina in provincia di Palermo, nella zona di Monte San Calogero a Caccamo. A portare sul posto i carabinieri è stato il 19enne Pietro Morreale, fidanzato della ragazza, che ha confessato l’omicidio. «L’ho uccisa e ho nascosto il corpo», avrebbe detto ai carabinieri. Con il padre e insieme all’avvocato ha poi condotto i militari sul luogo in cui è stato rinvenuto il cadavere.

Sul posto sono anche i vigili del fuoco. Secondo i primi accertamenti, il cadavere sarebbe parzialmente bruciato. Sul luogo del ritrovamento sono arrivati anche gli uomini della scientifica per eseguire i rilievi. Insieme a questi anche il medico e legale e il pm di turno della procura di Termini Imerese. Sono in corso indagini per accertare quello che è successo: già da sabato sera la famiglia di Roberta aveva fatto denuncia di scomparsa.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK