Sant’Antimo, classi in base al reddito: scoppia la bufera sull’istituto scolastico

Un nuovo caso è scoppiato a Sant’Antimo su presunte discriminazioni nei confronti degli alunni.  La richiesta è arrivata da alcuni genitori al dirigente scolastico dell’istituto comprensivo di Sant’Antimo “Giacomo Leopardi” A denunciarlo in un post sui social, successivamente cancellato, è stata la stessa scuola. L’obiettivo dei proponenti: “evitare che i nostri figli prendano cattive abitudini”. Il docente a capo della struttura scolastica aveva scritto il suo sfogo a chiare lettere, evidenziano anche gli errori grammaticali di chi gli aveva scritto.

“Da quando sono arrivato nella nuova scuola – ha sottolineato – ho spesso la sensazione di essere in Sudafrica. Prima qualche genitore, poi addirittura qualche docente – ha continuato il dirigente – che viene a esprimere la necessità di formare classi scelte sulla base del censo, per proteggere i figli dei professionisti dal mondo di fuori, fatto anche di figli d’operai. Io li ascolto tutti, con educazione e attenzione, notando pattern ricorrenti nel loro linguaggio. ‘Abbiamo paura che i nostri figli prendino cattive abitudini’, dice uno; ‘Vogliamo che i nostri figli seguino le nostre orme’, dice un altro. Ascolto, ascolto e mi rendo conto che il limite della mia pazienza coincide con i limiti nell’uso del congiuntivo dei miei saccenti e classisti interlocutori”.

La vicenda napoletana ricorda quella dell’istituto scolastico di Roma che, nella descrizione sul proprio sito dei tre plessi, aveva parlato anche della composizione degli studenti: in uno i figli della borghesia e dei professionisti, nell’altro quelli di operai e di ceti sociali più poveri. Ne era scaturita una polemica accesa, anche dopo che l’istituto aveva spiegato che non si trattava di una discriminazione ma, semplicemente, della composizione della popolazione studentesca derivante dai quartieri dove si trovavano i plessi.

Il sottosegretario all’Istruzione Peppe De Cristofaro, che ha aperto una linea verde sulla questione dopo le scelte della preside dell’Istituto comprensivo Trionfale di Roma. Questa volta la segnalazione sale dalla Campania, dall’Istituto comprensivo Leopardi di Sant’Antimo, Città metropolitana di Napoli. La scuola ha trentacinque classi elementari di cui dieci a tempo pieno. Le medie sono formate da tredici classi.

In questo caso, secondo l’indicazione inviata al Miur da un collaboratore interno all’Istituto, le parti si sarebbero invertite: le famiglie chiedono con forza classi differenziate rispetto al censo, il dirigente scolastico si oppone in nome di una didattica inclusiva. Contattato, De Cristofaro spiega: “La segnalazione è credibile e verificata, un blocco di genitori sta facendo pressioni collettive sul preside per ottenere che i figli delle famiglie più abbienti siano sistemati nelle stesse classi. Da quando sono intervenuto sulla questione del sito della scuola di Roma ricevo, quasi quotidianamente, segnalazioni di discriminazioni dentro e fuori le scuole. Questa volta sono i genitori dell’Iistituto di Sant’Antimo a chiedere classi differenziate”.

Il sottosegretario De Cristofaro sarà a Napoli e incontrerà il dirigente scolastico sotto scacco e i responsabili dell’Ufficio scolastico regionale: “Una scuola che seleziona distrugge la cultura”, dice: “Ai poveri toglie il mezzo d’espressione, ai ricchi toglie la conoscenza delle cose. Vi prego di continuare a segnalarmi queste situazioni – conclude -, non mi stancherò mai di intervenire”.