Bomba distrugge pub a Torre del Greco, i cittadini si stringono ai gestori: Salvini fa una promessa

“La deflagrazione di un ordigno ha devastato il ‘Red Hot Tower’, un pub di Torre del Greco. Si tratta dell’ennesimo capitolo dell’ondata criminale che sta investendo Napoli e provincia. Stavolta però abbiamo assistito ad un segnale positivo. I residenti si sono legati sul posto per esprimere solidarietà ai gestori, affollando l’ingresso del locale. Un gesto simbolico che però ha grande valenza e simboleggia la distanza delle persone perbene dai delinquenti”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e il conduttore de “La Radiazza” su Radio Marte Gianni Simioli. “Da tempo denunciamo l’iperbole criminale che investendo il comprensorio partenopeo. Un fenomeno trasversale sul piano geografico che interessa l’intera provincia. A farne le spese sono le persone perbene. In particolar modo gli imprenditori che devono fare i conti con gli attentati della malavita, legati alle richieste del racket. La recrudescenza delinquenziale a cui stiamo assistendo può essere contrastata solo con una risposta forte dello Stato. Il ministro dell’Interno Salvini ha promesso l’invio di nuove unità a Napoli. Lo invitiamo a tenere fede a quanto affermato. Oggi più che mai c’è bisogno della massima presenza possibile delle forze dell’ordine per contrastare una camorra che è tornata a rialzare la testa”.