Centrale del falso scoperta a Torre, carte di credito e documenti “tarocchi”: 2 in manette. NOMI

I carabinieri della compagnia di Torre del Greco hanno arrestato per falsificazione di carte di credito e per possesso e falsificazione di documenti Salvatore Gioia, 35enne, del luogo, incensurato e Francesco Blanco, 33enne anche lui del luogo, già noto alle forze dell’ordine, entrambi dovranno rispondere anche di falsità materiale commessa da privato e di detenzione di sostanze stupefacenti.

I militari dell’arma dopo aver notato movimenti sospetti hanno fatto irruzione nella casa di Blanco scoprendo che vi erano macchinari per produrre e falsificare carte di credito nonché numerosi documenti falsificati (patenti e carte d’identità).
Addosso ai due i carabinieri hanno trovato delle ingenti somme di denaro per il possesso delle quali Blanco e Gioia non hanno potuto o voluto dare alcuna giustificazione: rispettivamente 880 e 820 euro

La perquisizione ha poi portato al rinvenimento e sequestro di una macchina per la goffratura e una stampante a colori utilizzate per creare le cifre in rilevo e stampare a colori le carte in pvc, 434 carte ancora in bianco, 37 già falsificate, 8 patenti di guida e una carta d’identità falsificate.

Sequestrati anche 10 personal computer, un ipad, 6 telefoni cellulari, 13 pen drive, 23 internet key e 0,5 grammi di cocaina e 6,8 di hashish, un bilancino di precisione.
Gli arrestati sono stati tradotti a Poggioreale, nel frattempo i militari dell’arma hanno avviato accertamenti per verificare se nei supporti informatici sequestrati siano presenti copie digitali dei dati identificativi di carte di credito, utili a creare dei veri e propri cloni di carte già esistenti