Casal di Principe
Il sindaco di Casl di PRincipe ancora contro l'abbattimento

Non cede il sindaco di Casal di Principe Renato Natale. Si è dimesso per protestare contro l’abbattimento di un immobile abusivo dopo l’ordine arrivato dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere. Nella struttura vivevano due famiglie indigenti con quattro bambini piccoli. Natale ha annunciato: “Per ora confermo le mie dimissioni in attesa di novità dal tavolo interministeriale sugli abbattimenti”.

L’ufficio inquirente guidata dal Procuratore Maria Antonietta Troncone è intervenuto con una nota, in cui spiega di aver proceduto alla demolizione perché le due “famiglie hanno trovato sistemazione altrove”.  Non è stato possibile prorograre il termine “in virtù delle situazioni di pericolo del fabbricato, tali da compromettere l’incolumità fisica dei minori”.

Casal di Principe, caos sugli abbattimenti

“Era dal 2019 spiega all’Ansa che l’autorità giudiziaria, grazie ad apposita perizia, sapeva che queste due famiglie dimoravano in via Ancona pur senza avere la residenza e che lo stabile non era del tutto completato. Non c’erano quelle situazioni di pericolo concreto e attuale di cui parla la Procura. E inoltre non è vero che i due nuclei hanno trovato sistemazione: uno alloggia presso le case popolari, in una situazione che non credo sia legittima, per l’altro si sta muovendo la Caritas. Se ci avessero concesso altri cento giorni, come richiesto, avremmo risolto ogni situazione abitativa e la demolizione non avrebbe creato altri problemi. Voglio ricordare che il primo ordine di abbattimento di questo immobile risale al lontano 2005, poi la vicenda è stata ripresa nel 2018 dalla Procura”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.