24.5 C
Napoli
venerdì, Maggio 24, 2024
PUBBLICITÀ

Allarme fogne nei Campi Flegrei: “Il bradisismo può sollevare il suolo e invertire i flussi”

PUBBLICITÀ

Il bradisismo può provocare danni sui sottoservizi, come le fogne e le condutture del gas. Un caso abbastanza clamoroso, in particolare, potrebbe essere quello delle fogne, che sono a gravità, e che potrebbero avere un’inversione. E poi il bradisismo determina una estensione e potrebbero essere interessati i sottoservizi del gas“. A lanciare l’allarme è il professor Mauro Dolce, docente dell’Università Federico II di Napoli e presidente del Consorzio della Rete dei Laboratori universitari di Ingegneria sismica e strutturale – Reluis. Dolce, come riporta Fanpage.it, è intervenuto in audizione in Commissione Ambiente alla Camera dei Deputati, ieri, giovedì 26 ottobre 2023.

Alla Camera dei Deputati sono stati ascoltati anche il vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavicola e un dirigente dell’Anm. Il primo ha illustrato le proposte di emendamento per le conversione in legge del Decreto sul bradisismo. Il secondo ha spiegato lo stato dell’arte in merito al servizio di trasporto pubblico locale di Napoli.

PUBBLICITÀ

Nel corso del suo lungo intervento, il professor Dolce ha toccato diversi temi legati al fenomeno del bradisismo che interessa la caldera dei Campi Flegrei. Tra questi, appunto, anche dell’impatto che il sollevamento del suolo potrebbe avere sui sottoservizi, ossia le reti con le condutture di acqua, gas ed elettricità, che passano a livello sotterraneo. Ma anche gli effetti sugli edifici. Tra le domande dei commissari, infatti, è stato chiesto se l’innalzamento del suolo che si sta registrando possa avere un’influenza sulle infrastrutture, soprattutto i sottoservizi. Per quanto riguarda le fognature che funzionano a gravità, cioè l’acqua si sposta nei canali da quote più alte a più basse, insomma, il rischio è che il sollevamento del suolo possa avere degli effetti anche sui flussi.

A lanciare l’allarme sui sottoservizi era stato negli scorsi giorni il professor Roberto Castelluccio, docente di Architettura Tecnica presso il Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale dell’Università Federico II di Napoli, e consulente del Comune di Pozzuoli, in qualità di esperto di multi-rischio a supporto del piano di protezione civile.

Il suolo, ha spiegato Dolce nella sua risposta, “negli ultimi 10 anni si è sollevato di circa 115 centimetri. Ora si solleva 17-18 cm all’anno. Questa deformazione, però, al momento, è molto ampia“. Nel senso che è un’area molto vasta che si sta sollevando con l’effetto caratteristico che è stato definito “a campana”. Se il sollevamento riguarda “tutto l’insieme“, quindi, “non è un problema“. Perché “a livello del singolo edificio contano gli spostamenti differenziali“, ossia le piccole variazioni che potrebbero eventualmente causare dei dissesti.  Ma il bradisismo, conclude Dolce, “non provoca danni sul singolo edificio, ma può provocare danni sui sottoservizi“.

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Schianto mortale sulla Circumvallazione all’altezza di Gloria, coinvolti due scooter

Nella tarda mattinata di oggi è avvenuto un incidente mortale lungo la Circumvallazione Esterna. Secondo i primi rilievi un...

Nella stessa categoria