Armi ed droga in una casa abbandonata del Parco Verde: il blitz a Caivano

droga e armi Parco Verde

CAIVANO. Maxi sequestro dei Carabinieri. Droga e armi in un appartamento del Parco Verde. Un arsenale e oltre 1 chilo di stupefacenti nascosti in un appartamento abbandonato nell’isolato A3/4 del Parco Verde di Caivano. Questa la scoperta dei Carabinieri del Nucleo investigativo di Castello di Cisterna.

Durante una perquisizione – effettuata nel corso di un normale controllo del territorio – rinvenute e sequestrate 1 pistola Beretta cal. 7,65 con relativo serbatoio risultata provento di un furto consumato nel Febbraio scorso ad Ancona e 1 pistola Sig Sauer con matricola abrasa e caricatore. Con le armi anche 4 caricatori bifilari contenenti 16 cartucce calibro 7,65 e 4 caricatori a “mezzaluna” generalmente utilizzati per kalashnikov contenenti 81 proiettili calibro 7,62. Nell’abitazione del Parco Verde anche droga: 350 grammi di cocaina, 230 di eroina, 430 di marijuana e 370 grammi di hashish.

Le armi sequestrate nel Parco Verde saranno sottoposte ad accertamenti balistici per verificare se siano state utilizzate in fatti di sangue o intimidazione.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Articoli precedenti

Cric utilizzato come un mitra, arrestato dai carabinieri. Ha impugnato un cric per farsi consegnare da un automobilista la somma di 20 euro. Il fatto è accaduto nei pressi di un centro commerciale di Marcianise. Il rapinatore è stato bloccato dopo un inseguimento dai carabinieri di Caivano lungo la strada provinciale 498. In manette è così finito un 37enne di Frattamaggiore.

Cric come un mitra

L’uomo, secondo la ricostruzione degli investigatori, ha minacciato un automobilista e, impugnando un cric per auto, si è fatto consegnare 20 euro come se fosse un mitra. Scattato l’allarme, i carabinieri lo hanno intercettato lungo la strada provinciale 498 a bordo di un’utilitaria. Quando si è accorto di essere inseguito dai carabinieri ha accelerato. Tallonato per diversi chilometri, il 37enne ha poi compreso di non poter continuare a fuggire. Ha quindi deciso di fermarsi ed è finito in manette.