29.3 C
Napoli
giovedì, Luglio 7, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Covid in Campania, risale l’indice di contagio ma scendono i ricoveri: il bollettino


Sono 2626 le persone risultate positive al Covid in Campania a fronte 19.955 test effettuati (antigenici: 14.591; molecolari: 5.364) con un tasso di incidenza del 13,15%, in aumento rispetto a ieri quando si è attestato all’11,16. Le persone decedute nelle ultime 48 ore sono 5: vanno aggiunti i 7 decessi avvenuti in precedenza ma registrati ieri.

I posti letto di terapia intensiva disponibili sono 585, 33 quelli occupati, uno in meno rispetto a ieri. Per la degenza ordinaria (posti letti Covid e offerta privata) i posti sono 3160, occupati sono 502 a fronte dei precedenti 522. (ANSA).

Vaiolo delle scimmie meno grave di una varicella, l’esperto: “Non contagia come il Covid e non c’è pandemia”

Vaiolo delle scimmie, mentre i casi sospetti salgono in tutta Europa (e in Italia si contano tre casi), dagli esperti arrivano rassicurazioni, specie considerando quanto abbiamo passato negli ultimi due anni con la pandemia di Covid-19. Per l’epidemiologo Donato Greco questo virus è meno grave della varicella, mentre Stefano Vella rassicura: non sarà una nuova pandemia perché il vaiolo delle scimmie non contagia come il coronavirus.

Greco, già direttore generale della Prevenzione al ministero della Salute, e oggi consulente Oms ed ex componente del Cts nell’emergenza Covid, è tra i massimi esperti di emergenze sanitarie degli ultimi 50 anni e ricorda di aver partecipato, proprio alla fine degli anni ’80, in Congo a un’indagine sul campo relativa a un’epidemia di vaiolo delle scimmie. «Nell’uomo il vaiolo delle scimmie è una malattia auto-estinguibile, cioè si risolve da sola in poche settimane ed è, come gravità, anche inferiore a una varicella».

«Anzi – aggiunge all’Adnkronos Salute – quest’ultima comporta una estensione delle vescicole su tutto il corpo e dà febbre elevata, mentre il vaiolo delle scimmie è quasi sempre molto localizzato, nei casi di cui parliamo in questi giorni a trasmissione sessuale, le pustole sono limitate alla zona dei genitali, senza febbre alta», le parole di Greco, per 30 anni a capo del Laboratorio di Epidemiologia dell’Istituto superiore di sanità.

Non si preoccupa nemmeno Stefano Vella, docente di Salute Globale all’università Cattolica di Roma. «Non siamo di fronte a una nuova pandemia. Il virus del vaiolo delle scimmie, è conosciuto, in Africa, da tempo. Non preoccupa particolarmente rispetto al rischio di propagazione perché per infettarsi i contatti devono essere molto stretti, come nei rapporti sessuali. Non ci sono gli stessi pericoli di una trasmissione aerea, che facilita la corsa del virus, come per Sars-Cov-2», afferma all’Adnkronos Salute.

“La malattia è lieve”

«A dispetto del nome, come già è stato spiegato in questi giorni -aggiunge Vella – non parliamo di un’infezione pericolosa come quella causata dal vaiolo. La malattia è lieve e abbiamo, nel caso si rendesse necessario, anche alcuni antivirali utilizzabili, per quanto non specifici. E da quanto ne sappiamo fino ad oggi, chi si è vaccinato contro il vaiolo potrebbe essere protetto». L’emergere di casi di infezione da vaiolo delle scimmie alle nostre latitudini, «è un nuovo campanello d’allarme che ci ricorda come la salute umana e quella animale siano strettamente commesse. È una lezione che dobbiamo imparare: serve molta attenzione a non alterare l’equilibrio tra uomo, animale e ambiente», dice Vella.

Dopo la pandemia, aggiunge, «tutti hanno compreso che serve prepararsi alle epidemie che verranno. I salti di specie dei patogeni non sono una novità, sono avvenuti in passato e conosciamo i meccanismi. Ora che abbiamo alterato gli equilibri tra la fauna e l’uomo questi passaggi avverranno ancora di più. Ci sono centinaia di migliaia di virus animali che potrebbero, potenzialmente, colpire l’uomo. Non tutti ovviamente lo faranno generando le pandemie. Ma dobbiamo avere consapevolezza del fatto che si tratta di una possibilità. E dobbiamo stare all’erta».

Per Vella oggi più che mai è necessaria «l’attenzione all’equilibrio tra la salute umana, animale e ambientale. Ad esempio: se noi deforestiamo è chiaro che l’animale selvatico si avvicina alle aree abitate dall’uomo con più rischi. Non a caso, nell’approccio alla gestione della sanità, si parla di ‘One Health’, una salute sola (umana, animale, ambientale), e non è solo un concetto di moda, ma una necessità nel riorganizzare le politiche sanitarie e ambientali in un’ottica di consapevolezza e riduzione del rischio».

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Alberto Raucci
Alberto Raucci
Alberto Raucci, 27 anni. Dal 2018 collaboro con InterNapoli.it, diventando giornalista pubblicista (e conseguendo quindi il tesserino) nel 2020. Nel corso degli anni ho avuto modo di scrivere anche per AbbìAbbè, giornale online e mensile in carta stampata. Abile nella produzione e nel montaggio video.
- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Andrea morto a 6 anni a Sharm el-Sheikh, ipotesi intossicazione alimentare. Grave anche il papà

Erano partiti dalla Sicilia lo scorso 26 giugno per trascorrere due settimane di vacanze in un resort sulle spiagge...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria