Fuori la camorra dalle palazzine: si parte con Ponticelli. Nel mirino Arzano, Caivano, Melito e Giugliano

Dopo lo sfratto dei Casamonica dalle villette della periferia romana, continuerà a Napoli e provincia l’operazione “Case pulite” annunciata dal ministro degli interni Matteo Salvini. A finire nel mirino delle forze dell’ordine saranno i complessi abitativi popolari che, secondo l’antimafia, sarebbero gestiti direttamente dai clan di camorra dando vita – talvolta – a un vero e proprio “mercato” delle case a suon di intimidazioni e azioni di forza. Tra i primi obiettivi dichiarati dal leader della Lega c’è il rione Conocal di Ponticelli: un dedalo di oltre 400 abitazioni divenuto piazza di spaccia e covo dei clan D’amico e Di Micco.

Secondo quanto riportato da Il Mattino, il Comune di Napoli avrebbe già stilato l’elenco degli assegnatari in vista di un’operazione che dovrebbe “liberare” le palazzine dagli abusivi. Una volta completata l’operazione, toccherà poi a comuni ad alto rischio come Arzano, Caivano, Giugliano, Marano e Melito.