Imbottiti di eroina nell’addome, la terribile fine dei cani usati come corrieri di droga

Veterinario condannato a sei anni per avere impiantato eroina nello stomaco dei cuccioli di cane per contrabbandare droga negli Stati Uniti. Il suo nome è Andres Elorez, il 39enne è stato arrestato in Spagna per crimini che risalgono a più di 10 anni fa, quando era ancora uno studente. È stato estradato in America l’anno scorso per essere processato nel tribunale federale nel distretto orientale di New York. Lo stesso Elorez si è dichiarato colpevole.

Cani usati come corrieri

Il piano per introdurre clandestinamente la droga nel paese prevedeva l’impianto chirurgico di pacchetti di eroina nel ventre dei piccoli cani che venivano usati da corrieri -ha spiegato il pubblico ministero- accusandolo di andare contro la sua etica professionale, quale prevede di proteggere gli amici a quattro zampe.

«Come studente di veterinaria all’epoca dei fatti, l’imputato aveva il dovere di non recare danno agli animali – hanno scritto i pubblici ministeri nella loro dichiarazione di condanna – e ha tradito quel dovere quando ha usato le sue abilità veterinarie per aiutare i trafficanti colombiani».

Il 39enne aveva anche creato un luogo per poter eseguire al sicuro gli interventi chirurgici: una fattoria a Medellin, dove allevava cani e operava. Le autorità, quando hanno esaminato i cani ed estratto chirurgicamente 10 sacchetti di eroina liquida, ne hanno anche sequestrato altri pronti a ricevere lo stesso trattamento.