Covid, cardinale Sepe ricoverato al Cotugno: “Polmonite bilaterale”

Crescenzio Sepe ricoverato

Il cardinale Crescenzio Sepe da ieri sera è ricoverato all’ospedale Cotugno di Napoli per essere sottoposto ad esami diagnostici. Le condizioni del cardinale, risultato positivo al coronavirus lo scorso 13 gennaio, non sarebbero preoccupanti. Il ricovero è stato deciso dal suo medico al fine di procedere alle indagini diagnostiche e anche per ragioni di prudenza, in relazione alla sua età. Dopo la Tac al torace i medici del presidio gli hanno diagnosticato una polmonite bilaterale interstiziale definendo le sue condizioni stabili. Sepe è ricoverato in reparto, non si è infatti resa necessaria la terapia subintensiva. Il cardinale Sepe è attualmente amministratore apostolico dell’Arcidiocesi di Napoli, in attesa dell’insediamento del nuovo arcivescovo, monsignor Domenico Battaglia. A causa della sua positività al Covid-19 è stata rinviata la celebrazione eucaristica di ringraziamento a conclusione del suo ministero pastorale. La celebrazione era prevista domenica 24 gennaio.

“Il cardinale – dice Maurizio Di Mauro, dg dell’azienda dei Colli da cui dipende il nosocomio per le malattie infettive – ha una polmonite interstiziale bilaterale. Ieri il dottor Rodoldo Punzi, capo dipartimento malattie infettive, che lo stava seguendo, dopo averlo visitato ha consigliato il ricovero”.