zona covid
La mappa delle nuove zone da lunedì 26 aprile

Dopo settimane di chiusure e sacrifici, oggi dopo il consueto monitoraggio Iss sull’emergenza Covid in Italia, si definirà la nuova mappa delle zone. Il nuovo decreto ha reintrodotto le zone gialle e dunque da lunedì 26 aprile le regioni dove la situazione pandemica è sotto controllo torneranno nella fascia di minori restrizioni. Per la Campania zero possibilità di passare in zona gialla. Molto più probabile resti in arancione anche se i dati in crescita dei contagi fanno temere per una nuova zona rossa.

La mappa delle zone in Italia

In base all’andamento dei contagi Covid e all’indice RT l’ipotesi è che torneranno in zona gialla Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria e Veneto, oltre alle province di Trento e Bolzano. In bilico tra zona gialla e arancione Molise e Basilicata.
Calabria e Sicilia dovrebbero rimanere in arancione, la Campania in bilico con la zona rossa.
Infine in zona rossa ci sarebbero Puglia, Sardegna e Valle d’Aosta.

Il Covid non arretra, la Campania rischia la zona rossa

Stabile rispetto a ieri ma preoccupante il quadro dei contagi Covid in Campania: i nuovi positivi sono 1.912, di cui 559 sintomatici, su 20.078 test molecolari esaminati. Il tasso di incidenza risulta del 9,52%, contro il 9,23 del bollettino precedente. L’Unità di crisi ha segnalato 26 nuovi decessi  e 1.753 guariti, dato quest’ultimo identico a quello delle 24 ore precedenti. La regione dovrebbe restare in zona arancione almeno per un’altra settimana in attesa di un miglioramento dei dati Covid. Si attendono comunicazioni nella giornata di oggi e il rischio della zona rossa non è del tutto scongiurato.

Lombardia e Lazio saranno gialle

La Lombardia dopo 28 giorni in zona rossa (dal 15 marzo) e due settimane in arancione,  spera finalmente di passare in zona gialla. Il presidente della Regione Attilio Fontana ha dichiarato: “I numeri stanno gradualmente migliorando e se le cose dovessero continuare così credo proprio saremo gialli”. La Lombardia, secondo i dati dell’ultimo monitoraggio ISS, aveva un Rt pari a 0.78, ovvero sotto la soglia di allerta, e un’incidenza di casi pari a 163 ogni 100 mila abitanti. Sono in calo anche gli altri parametri relativi ai nuovi casi giornalieri, l’occupazione delle terapie intensive e i focolai.
Sembra assodato il passaggio del Lazio nella fascia di rischio più bassa. “Da lunedì saremo zona gialla. Riapriamo finalmente, ma non riapriamo al Covid e quindi stiamo attenti” ha annunciato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. Il valore RT nel Lazio è infatti a 0.78, con un calo del numero dei nuovi focolai.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.