Covid. Boom di contagi a Pozzuoli, 43 in un solo giorno: lo ‘spettro’ della zona rossa

Pozzuoli, incubo 'zona rossa'
Quarantatré nuovi casi di covid a Pozzuoli nelle ultime 24 ore. E’ questo l’aggiornamento che preoccupa i residenti puteolani che nel giro di poche ore hanno visto crescere nuovamente i contagi in città. Numeri alla mano, la cittadina flegrea è la seconda della provincia di Napoli per numeri di contagio: 405 positivi su circa 80 mila abitanti. Davanti a Pozzuoli c’è solo Giugliano con 437 contagi su 125 mila abitanti. Il tasso di contagio rispetto alla popolazione è prossimo allo 0,5% ma i puteolani temono che la città venga dichiarata zona rossa. Una prospettiva al momento lontana.

Vincenzo Figliolia, sindaco di Pozzuoli, ieri ha pubblicato il consueto aggiornamento, chiarendo cosa sta accadendo in città. “Conosciamo tutti la delicatezza del momento, così come i comportamenti da tenere per evitare che il virus continui a diffondersi – ha affermato il primo cittadino e ha continuato – Tutti siamo impegnati in questa battaglia. Quotidianamente, secondo un calendario diviso per zone, stiamo intervenendo, soprattutto nelle ore notturne, con la sanificazione e disinfezione delle strade comunali. La polizia municipale è impegnata su tutto il territorio, con diverse operazioni, per monitorare il rispetto delle norme anticovid. Stiamo lavorando per comunicarvi i dati dettagliati in merito ai contagiati, suddivisi per asintomatici, sintomatici, ospedalizzati e in isolamento domiciliare. È un lavoro meticoloso”.

Dall’inizio della pandemia, a Pozzuoli si sono registrati 600 contagi. Sono quindici le vittime, mentre 180 le guarigioni.