Quantcast
9.7 C
Napoli
mercoledì, Febbraio 1, 2023
Pubblicità

Da Forcella scappa in Spagna, bloccato e denunciato con documenti falsi

Pubblicità

Gli agenti della Squadra Mobile 6ª Sezione Criminalità diffusa, nella serata di ieri hanno rintracciato e proceduto alla denuncia, in stato di libertà, di Diego D’Alpino, per possesso di documenti falsi.

Gli agenti della squadra Mobile avrebbero già in data 26 giugno u.s. dovuto notificare una ordinanza di Custodia cautelare in regime alternativo degli arresti domiciliari, emessa lo stesso 26 giugno, dal GIP presso il Tribunale di Napoli ma il D’Alpino risultava irreperibile sia presso la sua abitazione che nei luoghi abitualmente frequentati.

Pubblicità

Una incessante attività investigativa, volta alla verifica di eventuali partenze per l’estero, a bordi di aerei, ha concesso di apprendere che lo stesso era partito alle prime luci dell’alba del 27 giugno, per la Spagna ed aveva acquistato un biglietto open che poteva ricondurlo in qualsiasi momento in Italia.

Alla luce di tale informazioni, nonostante le difficoltà operative del quartiere Forcella, tenacemente i poliziotti hanno effettuato particolari e lunghi servizi di appostamento che hanno condotto ai risultati sperati.

Nella serata di ieri verso le 23.30 lo hanno rintracciato in strada nel quartiere Forcella. Il D’Alpino, ben sapendo il motivo per il quale i poliziotti lo cercavano, ha palesato un momento di grande smarrimento.

Gli agenti lo hanno trovato in possesso di due documenti di identità con la sua foto, entrambi contraffatti, sebbene una carta avesse i suoi veri dati e l’altra intestato ad altro nominativo. Il giovane è stato condotto presso l’abitazione da lui indicata per gli arresti domiciliari ed è stato reso edotto della denuncia, in stato di libertà, per il possesso di documenti falsi.

Pubblicità

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Pubblicità

Ultime Notizie

Clan De Micco al capolinea, la Cassazione conferma le condanne per i ‘Bodo’

Non si salva nessuno. O quasi. La Corte di Cassazione (V sezione penale) ha confermato le condanne rimediate in...

Nella stessa categoria