“Devo chiamare i miei amici camorristi?” minacce alla mamma e ai fratelli per i soldi

La Polizia di Stato – Squadra Mobile – arresta un uomo ragusano di anni 46 anni per estorsione e stalking ai danni della madre e dei fratelli. La Procura della Repubblica di Ragusa due mesi fa ha delegato la Squadra Mobile per accertare quanto denunciato dai familiari dell’odierno arrestato. Terrorizzati dalla impressionante escalation di minacce e
richieste estorsive commesse dal congiunto, le vittime hanno consegnato decine di migliaia di euro.

A seguito delle attività investigative espletate, la Procura della Repubblica ha richiesto ed ottenuto al Giudice per le Indagini Preliminari la misura cautelare in carcere per l’indagato, proprio per la pericolosità e violenza manifestate dal soggetto.

Da più di un anno l’uomo aveva interrotto ogni rapporto affaristico con i familiari con i quali gestiva un’attività imprenditoriale. I rapporti sono stati interrotti di comune accordo ma l’uomo non accettava in alcun modo le decisioni maturate insieme pretendendo più soldi di quelli dovuti; questa era solo una scusa per estorcere del denaro al ne di acquistare droga.

La madre ed un fratello, al ne di aiutarlo, lo foraggiavano spontaneamente no a quando non hanno compreso che il denaro servisse per acquistare droga pertanto decidevano di non assecondarlo più. Non appena i congiunti decidevano di non soddisfare più le richieste, l’indagato ha dato inizio ad un comportamento criminale sempre più grave. Prima la persecuzione con centinaia di messaggi, telefonate ed email, poi le minacce ed insulti di ogni tipo, alla ne l’escalation criminale è giunta no al gravissimo reato di
estorsione.

L’uomo pretendeva somme di denaro cospicue altrimenti avrebbe ucciso e torturato tutti, compresa la madre ed i nipoti, vantandosi di avere amici nel napoletano camorristi.
La denuncia presentata dai familiari con grande fatica è stata l’ultima cosa che avrebbero voluto fare ma di sicuro la cosa più giusta; forse adesso il loro congiunto potrà rendersi conto della gravità di quanto fatto e seguendo un percorso riabilitativo tornare a poter vivere una vita priva da dipendenze.

La Polizia di Stato è stata accanto alla famiglia durante le diversefasi delle indagini, al ne di poter raccogliere quante più fonti di prova a carico dell’indagato che ha dimostrato una pericolosità sociale inaudita.

Al termine delle indagini gli uomini della Squadra Mobile di Ragusa hanno raggiunto il destinatario del provvedimento di cattura in altra regione grazie alla collaborazione dei colleghi del luogo. L’uomo è stato
condotto in carcere dove resterà no a quando permarranno le esigenze cautelari.

“La Polizia di Stato ha assicurato alla giustizia un soggetto diventato criminale a causa della droga. Per colpa della dipendenza dalla cocaina l’uomo è riuscito a commettere crimini gravissimi ai danni proprio dei familiari, proprio coloro che avrebbero voluto solo proteggerlo. Il grande dolore della madre nel denunciare il glio è stato
gestito dai poliziotti durante il percorso dell’acquisizione delle fonti di prova. L’anziana signora ha dimostrato non solo coraggio ma un grande amore per il glio, tentando in ogni modo di proteggerlo collaborando con la Polizia di Stato. Adesso l’uomo potrà seguire un percorso riabilitativo per la sua salute e poi nei confronti della famiglia”