Droga al centro di Secondigliano, così è stata catturata la figlia del ras dei Di Lauro

di lauro droga secondigliano
Droga al centro di Secondigliano, catturata la figlia del ras dei Di Lauro. Ancora un arresto per droga nel centro storico del quartiere. Ancora una volta, a finire nel mirino delle forze dell’ordine un’insospettabile, in questo caso una donna. Sempre più spesso la vendita di piccole dosi di stupefacenti è affidata a persone che utilizzano le proprie abitazioni come luoghi di smistamento o vendita.
E così domenica pomeriggio gli agenti del commissariato Secondigliano (guidato dal vice questore aggiunto Raffaele Esposito), durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato all’esterno di un edificio di via Duca degli Abruzzi una giovane donna che, alla loro vista, è rientrata frettolosamente nello stabile per eludere il controllo. I poliziotti sono entrati nell’abitazione dove hanno rinvenuto, occultate in una busta di plastica, 19 stecche di hashish del peso di circa 60 grammi e 415 euro.
Inoltre, hanno accertato la presenza di un sistema di videosorveglianza a circuito chiuso che inquadrava il perimetro esterno dell’edificio e lo hanno sequestrato.

Roberta Pica, 20enne, arrestata per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. La giovane è la figlia di Giuseppe Pica, ex capozona dei Di Lauro, ucciso qualche anno fa in un agguato nel vicino Corso Italia.

L’arresto precedente nella zona di ‘aret o pizz’ a Secondigliano

Via Duca degli Abruzzi è stata ‘teatro’ di un altro arresto avvenuto ad inizio dicembre (leggi qui l’articolo di Internapoli). In quell’occasione i ‘fantasmi’ (così sono ormai chiamati gli agenti della squadra investigativa) si materalizzarono nella zona conosciuta da tutti come ‘aret o pizz’ a Secondigliano.

I poliziotti, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, notarono un uomo entrare in un edificio della zona da cui è uscito subito dopo bloccandolo subito dopo e trovandolo in possesso di un contenitore di metallo, provvisto di una calamita,  contenente 14 stecche di hashish del peso di 33 grammi e 10 bustine con oltre 9 grammi di marijuana.

Inoltre, all’interno dello stabile recuperarono altre dieci bustine della stessa sostanza per un peso complessivo di 10 grammi circa. Christian Coppola, 19enne napoletano fu arrestato. Un volto ben conosciuto dagli uomini del commissariato visto che il suo ultimo arresto risaliva allo scorso luglio: anche in quell’occasione fu bloccato con la droga in via Duca degli Abruzzi (leggi qui l’articolo completo).

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.