Duplice omicidio a Pozzuoli, ergastolo confermato per il ras Pagliuca

Ergastoli confermati per Salvatore Pagliuca e Antonio Bevilacqua ma condanna riformata per Luca Palumbo (ras dei Sarno di Ponticelli) e per il collaboratore di giustizia Mario Morgese. Queste le decisioni della Corte d’Assise d’Appello di Napoli nel processo a carico dei quattro per il duplice omicidio di Michele Iacuaniello e Gennaro Di Bonito, uccisi a Quarto il 26 giugno 2008. Palumbo (difeso dagli avvocati Leopoldo Perone e Simone Mancini) ha ottenuto la riduzione a 20 anni di carcere (rispetto ai 23 del primo grado) mentre Morgese ha incassato la riduzione da 14 anni a 12.

Il duplice omicidio venne ideato da Pagliuca, all’epoca braccio destro del boss Gennaro Longobardi, per imporre il predominio sulla fazione opposta, quella facente capo a Gaetano Beneduce a cui appartenevano le vittime. Iacuaniello e Di Bonito, prima di trovare la morte, avrebero esplosi colpi d’arma da fuoco contro un rimessaggio appartenente proprio ai Pagliuca: il ras, in quell’occasione, pare che avesse tra le braccia il proprio nipote di pochi mesi. Da qui la decisione di vendicarsi contro i due poi uccisi a Quarto.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook