Elezioni Giugliano. Rush finale nel centrodestra. Nel centrosinistra documento di 7 liste a sostegno di Pirozzi

Elezioni Giugliano. Rush finale nel centrodestra. Nel centrosinistra documento di 7 liste a sostegno di Pirozzi

Rush finale nelle coalizioni per la scelta dei candidati a sindaco. Nel centrodestra l’accelerazione, come già preannunciato, c’è stata dopo l’individuazione di Stefano Caldoro come candidato alla presidenza della Regione Campania. Più volte è stato sottolineato come la questione Giugliano fosse strettamente legata a quella regionale. A dimostrarlo sono state le parole di Matteo Salvini. Il leader della Lega, commentando la candidatura di Caldoro, ha sottolineato che ci sarà una forte presenza del partito in tutte le grandi città del Sud, citando anche anche Giugliano. (leggi qui l’articolo completo), prima città non capoluogo di provincia d’Italia che andrà al voto.

Rush finale nel centrodestra

Nel centrodestra della terza città della Campania, dopo la fase di stallo post lockdown, potrebbe arrivare a breve la svolta. Da una parte ci sono i 4 partiti della coalizione (Forza Italia, Lega, Udc e Fratelli d’Italia) che si dicono compatti e uniti per andare insieme alle prossime elezioni con un unico candidato. Dall’altra ci sono le liste civiche facenti capo ad Anna Russo e Luigi Guarino che si sono sentite escluse da questo ragionamento. Ad incasinare la situazione c’è la bagarre interna a Forza Italia. I due consigliere uscenti Alfonso Sequino e Francesco Aprovitola rivendicano maggiore considerazione dopo il lavoro svolto nei 4 anni e mezzo di consiliatura nei banchi dell’opposizione.

La partita Giugliano sui tavoli provinciali e regionali

La questione candidato a sindaco a Giugliano verrà affrontata e decisa sui tavoli provinciali e regionali. Già ieri i coordinatori regionali dei partiti della coalizione erano a Roma per parlare con i vertici nazionali. Entro fine settimana ci sarà il tavolo tra i vari coordinatori provinciali i quali, sentiti anche i segretari locali, cercheranno di trovare una sintesi per trovare un nome unitario. Questione di giorni, dunque, e la riserva sarà sciolta. In pole position c’è sempre Giuseppe Pietro Maisto. L’ex consigliere regionale, molto vicino a Caldoro, vorrebbe che il suo nome fosse condiviso dalla base del centrodestra giuglianese e trovasse poi anche il pieno sostegno dei coordinamenti provinciali e regionali dei partiti di centrodestra. Sul tavolo c’è sempre anche il nome di Alfonso Sequino, caldeggiato dalle civiche e dall’ala più giovane di Forza Italia. Ma non è escluso che possano ritornare in auge altri nomi, come quello di Paolo Russo.

Intanto le dichiarazioni di Salvini su Giugliano non sono passate inosservate. Parlano i coordinatori cittadini.

“L’importante è andare tutti uniti, qualsiasi decisione verrà presa noi andremo sempre compatti”, dichiara Pasquale Ascione coordinatore giuglianese di Fratelli d’Italia. “L’importante è che sia un nome autorevole, anche noi di Fratelli d’Italia abbiamo dei nostri papabili candidati che metteremo sul tavolo ma rispetteremo le decisioni prese. L’importante è che si vada uniti”. 

Della stessa opinione Andrea Guarino, coordinatore Udc Giugliano. “Non ci è stato riferito nulla su presunti accordi a livello regionale rispetto all’indicazione della leadership da dare alla Lega su Giugliano. Al momento non ci risulta nulla ma se dovesse essere un nome autorevole che ben venga. Anche noi proporremo i nostri poi ci sarà una sintesi. Il nostro obiettivo è andare compatti”. 

Il coordinatore di Forza Italia Franco Carleo conferma che la scelta del candidato a sindaco verrà presa in maniera unitaria con i tavoli provinciali e regionali: “E’ una concetto che ho sempre ribadito, capisco le velleità personali di tutti ma viene prima di ogni cosa la coalizione e il programma. Dobbiamo fare in modo che il centrodestra torni al governo della città. Per raggiungere quest’obiettivo si deve remare tutti dalla stessa parte, anche le liste civiche. Mi dispiacerebbe se qualcuno dovesse decidere di andare per un’altra strada”. 

Le voci della Lega

Per Michele Diana, rappresentante che ha avuto il compito di costituire la lista della Lega a Giugliano: “Si deve trovare un’unità di intenti innanzitutto nel programma per costruire una coalizione forte e compatta, aperta anche al mondo del civismo. Sui nomi c’è un confronto aperto con gli altri partiti sia a livello locale che provinciale”, commenta Diana il quale lascia al coordinatore provinciale della Lega Vincenzo Catapano il compito di chiarire come si sta evolvendo la discussione sulla scelta del candidato a sindaco. “E’ nostro dovere costruire a Giugliano un percorso per portare il centrodestra ad amministrare la città. Stiamo costruendo una lista della Lega forte – dichiara Catapano – che avrà al suo interno risorse ed energie positive provenienti dal mondo dei professionisti, dell’associazionismo, commercianti e imprenditori. Riguardo al profilo del candidato a sindaco non ne facciamo una questione anagrafica ma di spessore politico che sappia aggregare e tenere insieme le varie anime della coalizione. Nessuno deve imporre scelte ad altri, c’è un ragionamento in atto sul progetto poi si sceglierà il nome più autorevole, aldilà di ogni appartenenza”. 

Gli sviluppi  e la possibile deflagrazione

Se la candidatura dovesse ricadere su Giuseppe Pietro Maisto c’è da capire cosa faranno le liste civiche di centrodestra e l’ala più giovane di Forza Italia, che più volte hanno manifestato malumori su quest’ipotesi. Potrebbero alla fine allinearsi alla decisione dei vertici provinciali e regionali o, in alternativa, continuare in un percorso autonomo che già stanno costruendo. E’ noto, infatti, come sia in atto una discussione con altre liste civiche per creare un’alternativa elettorale eterogenea, una sorta di laboratorio civico in cui andrebbero a confluire sia espressioni del centrodestra, del movimento 5 stelle e della società civile della fascia costiera. La speranza è quella di ‘tirarsi dietro’ in questa maxi coalizione civica almeno uno dei partiti tradizionali del centrodestra. Anche per questo motivo Anna Russo di Cambiamenti, nelle ultime settimane, ha discusso con rappresentanti provinciali della Lega e di Fratelli d’Italia. L’ex consigliera comunale ha trovato una sintonia soprattutto con il partito di Giorgia Meloni, che appoggerà alle prossime elezioni regionali, ma a livello locale non c’è stata nessuna comunicazione di adesione. Dunque difficile pensare a questo punto che il patto a 4 siglato tra i partiti del centrodestra venga scalfito proprio ora, ma sappiamo che in politica tutto può succedere.

La situazione nel centrosinistra

Nel centrosinistra si vive sempre la diatriba tra Poziello e il Pd. Notizia delle ultime ore è la sottoscrizione di un documento da parte di 7 liste che individua in Nicola Pirozzi il candidato prescelto. Il nome dell’ex capogruppo Pd aspetta solo l’ok definitivo dal tavolo provinciale di coalizione poi ci sarà l’ufficializzazione, con conseguente conferenza stampa di presentazione. A Pd, Polis, Giugliano bene Comune, Autonomia Costiera, Pirozzi Sindaco, Riformisti, si è aggiunta anche quella dei Repubblicani guidata da Cristoforo Tartarone e Raffaele Vitiello. Dunque l’ex assessore al Bilancio della giunta Poziello alla fine ha scelto di abbandonare l’ex sindaco e di chiudere l’accordo con la coalizione guidata dal Pd.

Il Movimento 5 Stelle in attesa

I grillini attendono dal blog la certificazione della lista, ma Salvatore Pezzella non si ferma e prosegue nella ricerca dei candidati per formare altre civiche in appoggio a quella principale. Già è riuscito a crearne una dal nome Giugliano in Movimento e si dice pronto anche ad una terza lista. Il m5S non ha avuto ancora l’ok dal Roma per parlare con i partiti ma solo con coalizioni civiche. Per questo motivo si è seduto al tavolo della coalizione civica ma alla fine potrebbe anche correre con un proprio candidato.

Potere al Popolo ci sarà

Intanto la novità è la presenza alle prossime elezioni della lista di sinistra Potere al Popolo,c che attraverso un comunicato stampa annuncia di aver sciolto le riserve e che sarà presente alle prossime elezioni amministrative con un proprio candidato a sindaco. “Sono pochi i mesi che ci distanziano dalle elezioni comunali a Giugliano. I movimenti più o meno occulti e più o meno visibili dei soliti affaristi della politica sono già frenetici. Chi si affanna alla ricerca del candidato a Sindaco, chi nella costruzione di qualche lista che debba tutelare i soliti noti, chi fa prove di grande ammucchiata pur di vincere. Potere al Popolo è nato per dare voce a chi non ha rappresentanza, stimolando un processo di presa di parola collettiva che veda la partecipazione diretta di chi è da sempre fuori dai luoghi della decisione, di chi subisce le volontà altrui senza alcuna possibilità di incidere sulla gestione della cosa pubblica. Potere al Popolo parte dalla costruzione di una pratica quotidiana di conflitto e radicamento per costruirne la voce comune. La città di Giugliano, con tutte le sue peculiarità che la fanno apparire un grande paese senza conflitto sociale, è invece un concentrato di tutti i principali problemi della città metropolitana di Napoli. Potere al Popolo ha deciso di partecipare alle prossime elezioni comunali per arricchire il confronto pubblico di un punto di vista diverso, che non sia piegato alle solite logiche di cartello o a quelle di finta protesta, gridata col megafono gestito da Milano, strumento di un burattinaio. Potere al Popolo ha deciso di partecipare alle prossime elezioni comunali e lo farà con candidati che saranno immediata espressione delle lotte ambientali, per il lavoro e la dignità sui luoghi di lavoro, cittadini che esprimeranno i bisogni veri della popolazione, non quelli delle lobby di poteri locali e di piccole cricche di interessi familiari.Potere al Popolo lancia un appello a tutte le energie sane della cittadinanza a sostegno del proprio progetto, così come invita tutti coloro che hanno avviato percorsi di lotta, sperimentazione culturale, presenza critica sul territorio a far convergere le forze in un unico fronte per avviare assieme un processo di reale cambiamento della città di Giugliano”.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.