L'Agenzia Dogane e Monopoli ha avviato il procedimento di revoca «alla vendita delle scommesse» nei confronti della tabaccheria di via Materdei a Napoli, coinvolta nel furto di un tagliando vincente del Gratta e Vinci
L'Agenzia Dogane e Monopoli ha avviato il procedimento di revoca «alla vendita delle scommesse» nei confronti della tabaccheria di via Materdei a Napoli, coinvolta nel furto di un tagliando vincente del Gratta e Vinci

L’Agenzia Dogane e Monopoli ha avviato il procedimento di revoca «alla vendita delle scommesse» nei confronti della tabaccheria di via Materdei a Napoli, coinvolta nel furto di un tagliando vincente del Gratta e Vinci. È quanto ha reso noto l’Agenzia. «A causa del venir meno del rapporto fiduciario che è alla base del rapporto concessorio, ADM ha avviato il procedimento di revoca dell’autorizzazione alla vendita delle scommesse al punto vendita ubicato nella tabaccheria coinvolta nell’episodio del biglietto rubato», scrive l’Amministrazione. Sarà quindi immediata, riporta Agipronews, la sospensione del collegamento al sistema di raccolta a totalizzatore.

Ruba gratta e vinci: l’avvocato. ‘Il tabaccaio è pentito e chiede scusa’

Ha capito di avere sbagliato, è pentito e si è scusato con tutti per quello che ha fatto: in lacrime ha chiesto perdono all’anziana signora”. A riferire le parole di Gaetano Scutellaro – il 57enne sottoposto a fermo dalla Procura di Napoli che lo accusa del furto pluriaggravato di un biglietto “gratta e vinci” vincente da 500mila euro sottratto a una 69enne napoletana lo scorso 2 settembre, e di un tentativo di estorsione ai danni della stessa signora – è il penalista Vincenzo Strazzullo, legale dell’uomo.

Gratta e vinci rubato, il nipote dell’anziana incastra il tabaccaio: ha registrato la tentata estorsione

Una proposta di restituzione del biglietto vincente, con la spartizione al 50% del premio da 500mila euro, in cambio del ritiro della denuncia: sarebbe questo l’episodio che ha indotto la Procura di Napoli a contestare anche il reato di tentata estorsione a Gaetano Scutellaro, 57 anni, l’uomo sottoposto a fermo dai carabinieri e successivamente chiuso in carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) con l’accusa di avere sottratto un biglietto “gratta e vinci” vincente a una anziana donna in una tabaccheria di via Materdei, a Napoli. A incastrare Scutellaro è stato il nipote della vittima che ha registrato la telefonata estorsiva.

 

http://

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.