Gianluca Vacchi serbia
Gianluca Vacchi snobba l'Italia: col jet privato in Serbia per vaccinarsi

Vola in Serbia col jet privato per vaccinarsi. A farlo non è uno qualunque ma il famoso Gianluca Vacchi. Il noto e ricco imprenditore ha raccontato tutto in una storia pubblicata su Instagram. 

Gianluca Vacchi vaccinato in Serbia ed il turismo vaccinale

Gianluca Vacchi ha tenuto a ringraziare la Serbia per il trattamento ricevuto: ”Mi sono sentito un vostro cittadino”, ha detto nella stories, in inglese, pubblicata sul suo profilo Instagram mentre è in volo sul suo jet privato. Poi Gianluca Vacchi annuncia: ”Ritorneremo per la seconda dose”. Tanti sono i paesi che hanno aderito al ‘turismo vaccinale’, tra questi anche gli Emirati Arabi, Russia e New York.

Dalla Serbia in Italia

“Stiamo tornando a Bologna dopo la prima dose di vaccino. Grazie Serbia per averci trattato come vostri cittadini”, racconta l’imprenditore con un video in inglese, a bordo del jet privato che ha riportato lui e la compagna Sharon Fonseca a casa di ritorno dalla Serbia. “Vi siamo molto riconoscenti, torneremo per la seconda dose”, promette Vacchi. Dallo scorso gennaio infatti il governo serbo ha dato il via libera ai cittadini stranieri di prenotare un vaccino a scelta tramite la compilazione di un semplice modulo online. “Per aderire alle possibilità di vaccinazione in Serbia, dall’11 gennaio anche i cittadini stranieri (con o senza permesso di soggiorno), oltre a quelli serbi, possono esprimere il loro interesse per la vaccinazione contro Covid-19”, si legge sul sito dell’Ambasciata.

Dal 17 maggio anche San Marino parteciperà a questa iniziativa da 50 euro per la doppia dose. Sarà aperto a tutti, tranne per gli italiani poiché non è stato raggiunto un accordo con Roma. Il vaccino somministrato sarà lo Sputnik.

Dietrofront della Serbia sul turismo vaccinale 

Nei mesi scorsi la Serbia, che ha condotto una delle migliori campagne vaccinali ponendosi ai primi posti in Europa per vaccini somministrati in rapporto alla popolazione, aveva aperto alla possibilità di vaccinare anche gli stranieri, che potevano prenotarsi scegliendo anche il tipo di vaccino contro il Covid. Dopo che la voce si è divulgata, il turismo vaccinale serbo è cresciuto notevolmente, rallentando però le somministrazioni ai propri cittadini. Per tale motivo ci sarà uno stop alle vaccinazioni per gli stranieri. A riguardo, per velocizzare le somministrazioni nel proprio paese, il presidente serbo Vucic ha annunciato che chi fra i suoi cittadini si vaccinerà entro maggio riceverà dallo Stato 3mila dinari (25 euro), come una sorta di riconoscimento per il senso di responsabilità di chi si sottopone alla vaccinazione. Si contano circa 25mila dosi somministrate agli stranieri. Probabilmente Gianluca Vacchi è riuscito a prenotare le dosi per se e per la compagna Sharon Fonseca prima della chiusura del turismo vaccinale in Serbia.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.