Giovane napoletano picchia suocera e fidanzata, era stato lasciato dalla ragazza

Un uomo di 27 anni, originario di Napoli, ma domiciliato nel Reggiano, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di lesioni personali e maltrattamenti in famiglia, per aver picchiato la compagna, di 21 anni, e la madre di lei, 47 anni. Per loro prognosi di 10 e 5 giorni per contusioni multiple. Il giovane non era nuovo a condotte violente nei confronti della convivente: già in Spagna, dove i due convivevano, si era reso protagonista di episodi di violenza.

Tornati in Italia i due sono andati a vivere a casa dei genitori della ragazza, poi in un appartamento di Reggio Emilia. Ieri l’ennesima lite scoppiata all’annuncio della ragazza di volersene andare: lui prima le ha forato una gomma della macchina, poi l’ha aggredita.
Quando è arrivata la madre le ha riservato lo stesso trattamento. Le donne hanno così chiamato i carabinieri che lo hanno arrestato. (ANSA)