Giugliano. Due figli disoccupati e moglie malata di cancro, appello alle istituzioni:
Giugliano. Due figli disoccupati e moglie malata di cancro, appello alle istituzioni: "Un lavoro per pagare il mutuo"

Ha scritto al Presidente della Repubblica, al ministero dell’Interno, al prefetto di Napoli, al sindaco di Giugliano. Da dieci anni combatte per avere un posto di lavoro dignitoso per pagare le cure mediche della moglie, malata di tumore. A lanciare l’ennesimo appello alle istituzioni è un cittadino di Giugliano, conosciuto dagli amici come Mario.
Hedi, cittadino italiano a tutti gli effetti, sposato con una giuglianese e padre di 2 figli entrambi disoccupati, al momento si arrangia come può. Avrebbe bisogno di un impiego stabile, lo sta cercando da tempo ed ha lanciato diversi appelli che al momento, però, sono rimasti inascoltati.

L’ennesimo appello ignorato

Anche l’ultimo disperato appello di Hedi è rimasto inascoltato. Per cui Hedi ha scritto alla dottoressa Anna Maria Monorchio della Segreteria Generale della Presidenza della Repubblica.
Sono passati nove mesi dalla richiesta di colloquio alla Tecknoservice, appaltatrice del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani nel Comune di Giugliano in Campania, senza aver ricevuto alcuna risposta.

“Assunte persone raccomandate”

Hedi denuncia che la società in realtà ha fatto circa 50 assunzioni. Tra queste figurerebberp persone di altri comuni secondo quanto dice “raccomandati da qualche figura politica”. Si tratta, naturalmente, di supposizioni su cui al momento non ci sono indagini in corso, ma la denuncia di Mario è chiara: Da circa un paio di mesi, con grande meraviglia, ho visto la predetta società ha assunto per tale servizio una cinquantina di persone, dove in alcuni casi risultano essere stati assunti nello stesso nucleo familiare 4 persone.
Un impiegato del Qurinale a cui mi sono rivolto, mi comunicava che allo stesso risultava che il sottoscritto aveva svolto, con tale società, un colloquio lavorativo e non aveva superato la prova. Posso solo riferire che non sono mai stato chiamato, e né tantomeno ho mai svolto un colloquio di lavoro con la società Tecknoservice.
Risulta invece che la predetta società ha assunto anche persone di altri comuni appartenenti a politici locali, esattamente, 10 persone residenti nel Comune di Villaricca e 2 persone residenti nel Comune di Mugnano di Napoli, posso riferire inoltre, che quasi tutti gli assunti risultano persone che non hanno gli stessi miei problemi economici”, scrive Hedi.

La provocazione di Hedi

Dalla disperazione nasce la provocazione di Hedi. Se il suo ennesimo appello alle istituzioni risulterà nuovamente inutile, sarà costretto, dice, a rivolgersi a “personaggi poco raccomandabili” per cercare un’occupazione e poter finalmente avere di che vivere:
“Egregia Dott.ssa Monorchio, sono veramente disperato, non riesco a trovare un’alternativa al mio stato attuale, purtroppo se non verro’ aiutato nemmeno questa volta, sarò costretto veramente a scrivere mio malgrado a personaggi poco raccomandabili, che il sottoscritto vorrebbe evitare. Ma non vedo altra via d’uscita”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.