Continuano ad emergere ulteriori retroscena sulla morte di Diego Armando Maradona. Pochi giorni prima del suo decesso, ‘El Pibe’ avrebbe contattato Mario Baudry, attuale compagno di Verónica Ojeda, sua ex fidanzata. Nel messaggio audio, in cui Diego si è confidato a cuore aperto, c’è una una richiesta speciale per suo figlio Dieguito Fernando.

L’audio di Maradona su Whatsapp a Mario Baudry

“Ciao Mario, è Diego che parla: so che ti sembrerà incredibile ma è così. Veronica mi ha
detto che è con te, abbi cura di lei e prenditi cura del mio angelo (Dieguito Fernando) che non ha paragoni con niente. Senti, ho molti bambini ma questo mi toglierà
l’ultimo grigio. Un abbraccio”.

L’ex compagna del campione argentino non ha voluto parlare dopo la tragedia del 25 novembre. Il suo avvocato, Miguel Ángel Pierri, è stato contattato da Intruders per rilasciare un’intervista su Maradona venerdì scorso. La donna, però, dopo aver appreso la notizia ha chiamato il legale chiedendogli di non rilasciare alcun tipo di dichiarazione in ospedale.

Indagato medico Luque: per lui l’accusa di omicidio colposo

Ancora non è chiaro come sia realmente morto Diego Armando Maradona. Nonostante l’autopsia abbia confermato il decesso per cause naturali, si sta indagando sui ritardi dei soccorsi. Arriva dall’Argentina la notizia che il giudice di San Isidro ha ordinato di perquisire la casa e l’ambulatorio del neochirurgo Leopoldo Luque, il medico personale del Pibe de Oro, che ha operato di persona il Diez di un ematoma subdurale alla clinica Olivos il 3 novembre scorso e con cui il campione è stato immortalato nell’ultima foto.

Il sospetto è che al campione non siano state fornite cure adeguate. Secondo le fonti del quotidiano La Nacion «in virtù delle prove accumulate decisa la perquisizione». Le perquisizioni ordinate dal procuratore di Benavidez Laura Capra e dai giudici e dai procuratori aggiunti di San Isidro, Patricio Ferrari e Cosme Irribaren.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook

“>

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.