32.8 C
Napoli
domenica, Luglio 14, 2024
PUBBLICITÀ

“Quando esco ci dobbiamo fare una macchinetta per contare i soldi”

PUBBLICITÀ

E’ certamente Michele Onorato la figura principale dell’inchiesta che ha portato all’esecuzione di 11 misure cautelari per persone vicine al boss detenuto e comunque legate alla mala del Rione Moscarella di Castellammare di Stabia per associazione mafiosa, estorsioni e droga.

Chi è Michele Onorato

Michele Onorato, detto ‘o pimuntese, attualmente detenuto nel carcere di Frosinone, già figura apicale del clan Cesarano, secondo l’accusa avrebbe costituito, promosso, organizzato e diretto una associazione di tipo mafioso denominata clan del Rione Moscarella che, avvalendosi della forza e della conseguente condizione di assoggettamento e di omertà che ne derivano, era dedita ad estorsioni nei confronti dì imprese e di commercianti della zona, traffico di sostanze stupefacenti, detenzione di armi, al fine di acquisire il controllo di attività illecite e lecite con particolare riferimento ai comuni di Castellammare di Stabia, Pompei, S.Antonio Abate e zone limitrofe.

PUBBLICITÀ

Una macchinetta per contare i soldi delle estorsioni

Dalle indagini emerge l’accuratezza con cui ‘Zio Michele’ si dedicava a pianificare estorsioni e ad indottrinare i suoi sodali sulle imprese ed i commercianti da taglieggiare, indicando anche di volta in volta le modalità. Ne è esempio la conversazione intercettata dal telefonino in disponibilità di Onorato, tra quest’ultimo e Salvatore Scotognella, suo uomo di fiducia. I due, particolarmente entusiasti per il buon esito di un’estorsione, ragionavano sulle possibilità di crescita del clan e della svolta economica che secondo Onorato sarebbe arrivata con la sua scarcerazione.

Michele: ti devi fare una macchinetta e subito fai
Salvatore: e fosse tutti i giorni (ride)
Michele: ora che esco e entrano più soldi ce la dobbiamo fare una macchinetta
Salvatore: si …io la tenevo pure poi l’ho venduta non mi serviva….
Michele: perchè non c’era il materiale da mettere dentro…se ingraniamo quando esco ce la facciamo una macchinetta.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Incidente per l’auto della penitenziaria di Secondigliano, un agente è grave

Un veicolo della polizia penitenziaria con a bordo 4 agenti della polizia penitenziaria del carcere di Secondigliano è rimasto...

Nella stessa categoria

PUBBLICITÀ