Napoletano beccato su un’auto rubata: “Non è mia, dovevo accompagnare una ballerina”

Immagine di repertorio

“Sto accompagnando questa ballerina”. Così si è giustificato il settantottenne di origine napoletana, pensionato e residente da anni a Milano, trovato alla guida di un’auto risultata rubata. L’Audi Q3, infatti, era stata portata via ad una società che si occupa di vigilanza a Milano.

Il pensionato si è giustifica raccontando di aver trovato l’auto aperta, nel parcheggio di un locale notturno, posto nei pressi di un centro commerciale e non potendo esimersi di offrire un passaggio galante ad una ballerina che doveva raggiungere Milano, avrebbe deciso di usarla temporaneamente con l’intenzione di lasciarla appena terminata l’incombenza.

La vettura è stata sottoposta a sequestro e continuano gli accertamenti dei Carabinieri anche in funzione dei numerosi precedenti specifici in materia di ricettazione e riciclaggio autovetture a carico del pensionato. Non si esclude che il 78enne sia in realtà stato intercettato mentre era in procinto di consegnare l’auto ad un acquirente, anche in funzione di una successiva esportazione all’estero