Napoli. Arrestata banda dei finti carabinieri, l’appello alle vittime: “Li riconoscete?”. NOMI E FOTO

Si fingono Carabinieri per rapinare una famiglia: arrestati stanotte dalla Polizia di Stato della Squadra Mobile partenopea sei pregiudicati, travestiti da Carabinieri, responsabili di rapina aggravata in una abitazione della Riviera di Chiaia. Si tratta di Salvatore Mauro, napoletano dell’’82; Alberto Cacace, napoletano dell’’87; Emiliano Brullino, napoletano del ’76; Paolo Lo Giudice,  napoletano del ’55; Ciro Pizzo, nato a Mondragone (CE) nel ’75; Gaetano Vaccaro, napoletano del ’75.

Durante i mirati controlli finalizzati al contrasto dei reati predatori, i Falchi della Squadra Mobile partenopea, mentre transitavano in via Riviera di Chiaia, si sono insospettiti per il via vai di due scooter che si incrociavano tra viale Gramsci e via Riviera di Chiaia, scambiandosi segni di intesa con un’altra persona ferma all’esterno di uno stabile. I poliziotti, certi che si stesse consumando un reato, hanno chiesto l’intervento di altre pattuglie, e, visti uscire i malfattori da quello stabile per poi salire a bordo di un’auto, hanno prontamente bloccato ogni via di fuga, sbarrando la strada da entrambi i sensi di marcia e catturando i soggetti, trovati in possesso della somma di 5.450, di un orologio Rolex e di oggetti preziosi.

Gli agenti hanno accertato che i malfattori, poco prima, dopo avere bussato al citofono ed essersi qualificati come appartenenti all’Arma dei Carabinieri, erano saliti nell’appartamento, al cui interno vi era il proprietario di casa insieme alla moglie, al figlio e alla fidanzata. I finti Carabinieri mostravano un decreto di perquisizione falso, chiedendo al proprietario di casa di consegnare loro spontaneamente la droga che custodiva nell’abitazione, se non avesse voluto vedere la casa a soqquadro ed essere arrestato.

Esibendo un finto portatessere con il fregio della predetta Forza di polizia, indossando pettorine con la scritta Carabinieri, nonché mostrando e minacciando la famiglia con una perfetta replica di pistola calibro 9×21 (arma in uso alle forze di polizia), i malviventi costringevano le vittime a rimanere ferme. Intimorito, il proprietario di casa tentava di  spiegare che non era in possesso di sostanza stupefacente, ma i malviventi con arroganza e violenza iniziavano ad urlare e picchiare sui muri in quella che, a loro dire, era un ricerca di droga. Nella convinzione che fossero veri carabinieri, il proprietario di casa li faceva entrare in camera da letto, dove si impossessavano del denaro e degli oggetti preziosi. I sei pregiudicati, grazie all’intuito e alla prontezza degli uomini della Squadra Mobile, sono stati arrestati e condotti presso il carcere di Poggioreale. Dovranno rispondere di rapina aggravata e sequestro di persona.

L’APPELLO DELLA POLIZIA: Si richiede la divulgazione dei soggetti arrestati affinché altre probabili vittime possano riconoscerli.

Alberto Cacace
Salvatore Mauro
Ciro Pizzo
Paolo Lo Giudice
Emiliano Brullino
Gaetano Vaccaro