Multa a Napoli per un giovane papà: il figlio 'saltellava' in strada

Restrizioni anti contagio e sanzioni ‘assurde’ a Napoli. Una multa di 400 euro perché il figlio di 3 anni “camminava saltellando”. Questa la denuncia che arriva da Napoli. A raccontarla, in collegamento a “Mattino Cinque” è Antonio Fornabaio: “Sono stato multato perché mio figlio zompettava”. L’episodio è successo lo scorso 20 marzo nel quartiere Chiaia del capoluogo campano.

Come racconta l’uomo, era uscito insieme al bambino per andare in edicola e dopo aver incontrato per caso alcuni amichetti del figlio ha deciso di fargli trascorrere qualche minuto insieme. Per questo motivo le forze dell’ordine li hanno sanzionati per un'”attività ludica” non prevista dalle normative anti assembramento: “Tarpate le ali a un bambino di tre anni“, conclude Fornabio.

Negli ultimi giorni si sono moltiplicate le sanzioni tra Napoli e provincia. Le norme e le raccomandazioni, in continua evoluzione, non permettono di “tenere il passo”. La denuncia che giunge da Napoli conferma ulteriormente anche la confusione di chi deve far rispettare le norme. Il racconto di Fornabaio stona ulteriormente se si pensa alle immagini degli assembramenti registrati in zone costiere e sul lungomare di Napoli nell’ultimo fine settimana.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.