Neonati scambiati alla nascita a Napoli, arriva il risultato del test del dna

Una vicenda che ha fatto discutere e che ha generato una vera e propria corsa al lotto. E’ il caso scoppiato poco prima della fine del 2019 presso la clinica Villa Betania di Ponticelli: due neonati scambiati per poche ore dopo la nascita, due mamme che hanno allattato per qualche ora i figli ‘sbagliati’.  A fine dicembre due mamme hanno dato alla luce nella stesso giorno, a due ore di distanza, i loro splendidi figli. Alle 19 è nata una femminuccia mentre alle 21 un maschietto. Entrambi i parti sono andati a buon fine, tutto è filato liscio, almeno fino ad un certo punto. I neonati, dopo i rituali accertamenti medici, sono stati trasferiti, come da prassi, nel nido. Il giorno dopo sono stati riportati dalle rispettive mamme per l’allattamento. Al momento del cambio del pannolino, una delle nonne ha scoperto che quella che aveva tra le mani non era un maschietto ma una bambina. Urla di stupore e rabbia tra i familiari, i quali hanno avvertito immediatamente il personale della corsia e il primario del reparto. Sono scattati i controlli e si è capito, per fortuna quasi immediatamente, che c’è stato probabilmente un cambio di braccialetti tra i due piccoli nati a poche ore di distanza. Le famiglie hanno subito allertato le forze dell’ordine e si è così disposto un test del dna per accertare la genitorialità dei due neonati. Test che ha dato risultati positivi come si apprende da fonti vicine alle famiglie.