22.9 C
Napoli
giovedì, Ottobre 6, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Nuovo studio rivela: “Più della metà dei positivi ad Omicron non sapeva di esserlo”


Un nuovo studio sottolinea un’altro aspetto della ricerca su Omicron: più della metà dei contagiati dal virus non sa di averlo avuto. Lo studio è stato pubblicato su ‘Jama Network Open’ e tenuto da Cedars-Sinai Medical Center degli USA. Che sia perchè asintomatici o per aver sottovalutato i sintomi molti non sanno di aver avuto il virus.

Il 56%, più di uno su due, “non sapeva di essersi contagiato, la consapevolezza sarà la chiave per permetterci di andare oltre questa pandemia” spiega Susan Cheng. Già studi in precedenza avevano dimostrato che almeno il 25% dei contagiati, percentuale che potrebbe raggiungere l’80%, non manifesta sintomi. La variante Omicron è spesso associata alla manifestazione di sintomi più lievi, questo ha probabilmente spinto molti a non effettuare il tampone di verifica o, addirittura, a non sospettare neanche di poter essere infetti. “I risultati dei nostri studi si aggiungono alla prova che le infezioni non diagnosticate possono aumentare la trasmissione del virusdice Sandy Y. Joung del Cedars-Sinai “Un basso livello di consapevolezza dell’infezione ha probabilmente contribuito alla rapida diffusione di Omicron” conclude.

La ricerca prima dell’ondata Omicron

Durante gli inizi della ricerca sugli effetti del covid e sui vaccini i ricercatori raccoglievano campioni di sangue dagli operatori sanitari, poco prima che scoppiasse l’ondata Omicron hanno però ampliato la raccolta. Infatti tra i campioni comparivano anche pazienti. Tra i sanitari ed i pazienti che hanno partecipato gli scienziati hanno identificato circa 2.479 che avevano fornito poco prima o poco dopo l’ondata Omicron campioni di sangue e 210 che probabilmente hanno contratto il virus. I ricercatori sono giunti a questa conclusione sulla base dei livelli più recentemente positivi di anticorpi contro Sars-CoV-2.

I ricercatori hanno quindi poi invitato i “donatori” ad effettuare interviste e sondaggi per aggiornare lo stato dello studio. Qui la scoperta che solo il 44% percento di chi aveva anticorpi anti-Sars-CoV-2 recentemente positivi era consapevole di essere stato infetto. Il restante 56% non sapeva quindi di aver contratto il virus. Di questo 56% solo il 10% ha dichiarato ai ricercatori di aver manifestato lievi sintomi attribuibili anche ad un comune raffreddore. Per dare ulteriori risposte lo studio necessita però di una maggiore “varietà” dei donatori. “Ci auguriamo però che le persone leggano questi risultati” così “più comprendiamo i nostri rischi, migliore sarà la protezione della salute pubblica e di noi stessi” dice Susan Cheng.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Uccide la sorella nel sonno accoltellandola al cuore: “Flirtava con il mio ragazzo”

Scopre che la sorella flirta con il suo ragazzo e la accoltella nel sonno. Fatiha Marzan, 21 anni, ha...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria