maurizio cerrato
maurizio cerrato

Arrestato oggi l’ultimo dei componenti del gruppo che uccise Maurizio Cerrato, ammazzato a Torre Annunziata per essersi opposto all’occupazione abusiva di un parcheggio e di aver diviso sua figlia. Il delitto commesso il 19 aprile scorso, in concorso con altre tre persone.

 

Nel corso della mattina odierna, i militari della Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Torre Annunziata, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta di questa Procura della Repubblica, hanno proceduto all’arresto di Francesco Cirillo, gravemente indiziato in ordine al reato di omicidio volontario di Cerrato Maurizio, commesso, in concorso con altre persone, lo scorso 19 aprile.

Alla individuazione dell’arrestato, quale componente del gruppo che ha aggredito ed ammazzato Maurizio Cerrato, si è pervenuti con capillari e minuziose indagini.

Le indagini espletate in modo certosino dai Carabinieri di Torre Annunziata e coordinate da questa Procura. Avevano già condotto in precedenza, alla scarcerazione, per sopravvenuta carenza dei gravi indizi di colpevolezza, su richiesta di questo stesso Ufficio, di Venditto Antonio. L’uomo originariamente sottoposto a fermo di indiziato di delitto e a custodia cautelare in carcere, in quanto inizialmente riconosciuto dalla figlia del Cerrato come partecipe dell’omicidio di quest’ultimo. Poi accertata l’estraneità ai fatti.

Analisi delle immagini dopo l’omicidio di Maurizio Cerrato

Le indagini, rese oltremodo difficili dal clima di diffusa omertà che ha caratterizzato il contesto investigativo, hanno consentito di accertare, da un lato, che l’autore materiale della coltellata che ha cagionato la morte del Cerrato è stato Cirillo Antonio, reo confesso sul punto, e, dall’altro, che all’omicidio ha partecipato anche il padre di quest’ultimo, Cirillo Francesco, per sua stessa ammissione presente ai fatti.

L’analisi dei filmati della videosorveglianza del parcheggio, teatro dell’omicidio, che erano stati volutamente cancellati subito dopo l’omicidio. Ma recuperati attraverso una consulenza tecnica informatica.

Con l’odierno arresto possono ritenersi definitivamente identificate ed assicurate alla giustizia tutte le persone che hanno partecipato all’omicidio di Cerrato Maurizio.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.