partita del cuore
Eros Ramazzotti ed altri artisti si schierano con Aurora

“Cacciata dalla partita del cuore perché donna”, la denuncia di Aurora Leone dei The Jackal. Nazionale Cantanti vs Campioni della Ricerca. Fra i convocati della Partita del Cuore di stasera anche Aurora Leone dei The Jackal che però – e nonostante la convocazione ufficiale – non ci sarà. Il motivo addotto dagli organizzatori, sostiene l’attrice in alcune stories su Instagram, è perché “sei una donna”, spiega in un video racconto insieme al collega Ciro Priello, presente con lei nella lista dei convocati.

 

“Cacciata dalla partita del cuore perché donna”, la denuncia di Aurora dei ‘The Jackal’

Tutto inizia da una richiesta dell’organizzatore, spiegano i due, che avrebbe invitato Aurora ad alzarsi dal tavolo“Io e Ciro ci siamo seduti al tavolo con la Nazionale Cantanti, e una volta seduti lì l’organizzatore Pecchini è venuto e ci ha detto che non potevamo stare seduti lì. O meglio – continua Aurora Leone -, ha detto che io non potevo stare seduta lì. Abbiamo pensato che ce lo stesse dicendo perché siamo della squadra avversaria”. Ma “quando facciamo per alzarci – continua Ciro – l’organizzatore Pecchini dice ‘no, no, tu puoi restare. E’ solo lei che non può rimanere al tavolo dei giocatori”.

 

Il post dei The Jackal

Prendiamo atto delle dimissioni del dirigente della nazionale cantanti in seguito al “grande equivoco” di ieri sera. Noi speriamo che quanto successo non venga ridotto a questo: un malinteso. C’è un discorso più ampio che va oltre la vicenda personale, il sessismo e il maschilismo come problemi reali che riguardano ogni giorno milioni di donne.

Invitiamo tutti però, come ha fatto Aurora nelle prime storie pubblicate a caldo ieri notte, a non confondere i problemi: non è giusto che quanto accaduto abbia delle conseguenze negative sulla raccolta fondi, missione che la nazionale cantanti porta avanti con impegno da 40 anni. Inclusività e parità non devono essere ostacoli per nessuna causa, figurarsi se così importante come la lotta al cancro. Confondere i due piani è uno sbaglio che non rende giustizia a nessuna delle due battaglie. Per questo diciamo alle tantissime persone che ci stanno scrivendo con affetto in queste ore per dimostrarle sostegno, che Aurora non era andata lì per vincere una partita: Aurora era lì, come Ciro e come tutti gli altri che hanno preso parte all’evento, per contribuire alla ricerca.

Perciò aiutateci a farlo, diamo un segnale forte: una donazione via SMS al numero 45527 per sostenere la ricerca sul cancro.

 

La decisione di Eros Ramazzotti

Quello che è successo ieri sera ad Aurora Leone non sta passando inosservato (per fortuna). Poco fa Eros Ramazzotti ha fatto sapere che stasera non scenderà in campo a La Partita del Cuore. “Sono molto dispiaciuto per quello che è accaduto ieri sera tra Aurora di The Jackal e alcuni dirigenti della nazionale cantanti. Sono venuto a Torino per sostenere la Ricerca e supportare le persone fragili e mi trovo coinvolto in una situazione estremamente sgradevole. Sono da sempre contro ad ogni forma di violenza e mi dissocio completamente da ogni atteggiamento discriminatorio .

La nazionale cantanti nasce su altri presupposti e con l’ambizione di essere un modello positivo ma a queste condizioni , con questa dirigenza, non me la sento di scendere in campo.

In attesa di chiarire l’accaduto nelle opportune sedi, farò la mia parte donando direttamente e personalmente alla fondazione Piem Ricerca sul Cancro di Candilo, guidata da Donna Allegra Agnelli.

Eros Ramazzotti”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.