«Pensavo fosse una bambola»: bimbo di 18 mesi alla deriva salvato da un pescatore

Era in campeggio con i genitori, quando è uscito dalla tenda ed è finito in mare. E’ quanto accaduto ad un bimbo di un anno e mezzo, che ha rischiato di annegare e di essere trascinato dalla corrente.

Il caso ha voluto che un pescatore passasse di lì e che notasse qualcosa tra le onde. “All’inizio pensavo si trattasse di una bambola, era immobile e fluttuava, la pelle sembrava di porcellana, anche per l’effetto dei capelli corti e bagnati. Ho deciso quindi di recuperare ciò che mi sembrava una bambola, e all’improvviso ho sentito un piccolo urlo e ho pensato: Oh, mio Dio, è un bambino ed è vivo!”. Dopo aver recuperato il piccolo, l’uomo ha chiamato i soccorsi. Fortunatamente, non ha riportato gravi danni. Il pescatore è stato dipinto dai media come un eroe, “Ma non lo sono, anche se quel bambino ha rischiato molto. Non era ancora arrivato il suo momento, ma è stato fortunato, perché la corrente stava aumentando e se fossi giunto in quel punto solo pochi minuti più tardi, non l’avrei trovato”.

“Scoprire ciò che è successo è stato terribile, pensare a cosa sarebbe potuto capitargli senza l’aiuto di quell’uomo lo è ancora di più”. Ha dichiarato la madre del piccolo.