4.6 C
Napoli
martedì, Gennaio 25, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

“Un poliziotto al servizio del boss di San Giovanni”, le accuse del pentito


Accuse infamanti. Quelle del collaboratore di giustizia Gaetano Nunziato allegate all’ultima ordinanza di custodia cautelare che due giorni fa ha inferto un duro colpo al clan Silenzio di San Giovanni a Teduccio. Accuse rivolte ad un poliziotto che, stando a quanto raccontato dal pentito, prendeva la ‘stecca’, ossia una quota dal clan per chiudere un occhio. Scene alla ‘Training day’ che, secondo Nunziato, avevano un costo preciso: 500 euro al mese. E’ il 4 aprile del 2016 quando Nunziato mette a verbale questa rivelazione:“Una volta ho assistito alla consegna di soldi da parte di Francuccio Silenzio ad un appartenente alla polizia. Dopo la consegna dei soldi Francuccio mi disse che quando passava lui io potevo continuare a spacciare. Ma lui doveva fare un arresto una volta al mese e per questo sacrificavano un ragazzo che lavorava da poco sulla piazza. Nel periodo in cui Francuccio non c’era fui incaricato di dare io i soldi a (….). La somma era di 500 euro. Il giorno in cui Francuccio gli diede i soldi era a bordo di una Golf grigia”. Accuse che ovviamente dovranno essere provate nelle sedi opportune ma che rivelano il clima e la forza sul territorio raggiunta nel tempo dai Silenzio divenuti, dopo la cacciata dei Formicola, signori assoluti del ‘Bronx’ di San Giovanni a Teduccio.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Tragedia in Coppa d’Africa, ressa fuori allo stadio: 8 morti e 38 feriti

Ressa per entrare allo stadio in Coppa d'Africa poco prima della partita tra i padroni di casa del Camerun...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria