“Prima volta che opero una ferita da arma da fuoco su un bambino” parla uno dei dottori di Noemi

Papà Fabio è intervenuto per difendere Noemi dalle notizie false che stanno circolando in queste ore. Nonostante le buone notizie che arrivano dall’ospedale Santobono, resta ancora delicata la situazione. Il sito Fanpage ha intervistato l’equipe medica che ha operato la bimba di due ospedali diversi: Guido Oppido del Monaldi e Carlo Tascini del Cotugno, Massimo Cardone, Giovanni Gaglione e Vincenzo Tipo del Santobono. “È stata la prima volta che mi sono occupato di una lesione di arma fa fuoco su un bambino, penso non sia comunque molto frequente, fortunatamente” ha detto Oppido.

IL BOLLETTINO DEL 15 MAGGIO

La piccola Noemi «è sveglia, cosciente e presenta una buona motilità di tutti e quattro gli arti. La bambina respira spontaneamente ma necessita ancora di un supporto di ossigeno ad alti flussi». Così nel bollettino medico diffuso oggi dall’ospedale Santobono. «Proseguono gli esami diagnostici di routine, utili a monitorare l’evoluzione della condizione clinica della bimba. I parametri vitali sono stabili e il quadro clinico appare stazionario. La prognosi resta riservata. Il prossimo bollettino – conclude la nota – sarà diramato tra 48 ore».