Quattro anni fa moriva don Antonio Polese, oggi il Castello è in difficoltà per il Covid

Quattro anni fa la morte di Don Antonio Polese
Quattro anni fa la morte di Don Antonio Polese
Sono 4 anni esatti dalla morte di don Antonio Polese. Era il primo dicembre 2016 quando il Boss delle Cerimonie si spense presso la Clinica “Pineta Grande” di Castelvolturno a causa dello scompenso cardiaco di cui soffriva. Da allora il Castello è passato nelle mani dei familiari, in particolar modo la sorella Imma e il cognato Matteo. Purtroppo quest’anno a causa dell’emergenza Covid c’è stato un brusco calo negli affari, come tutti i ristoranti del resto.

Poche le cerimonie svolte nel lussuoso Grand Hotel La Sonrisa situato a Sant’Antonio Abate, protagonista anche del programma di Real Time, conosciuto come “Il Boss delle Cerimonie”. Il programma seguitissimo su Real Time che racconta i matrimoni e le cerimonie in genere, di persone facoltose ed esuberanti, capitanato da Imma Polese proprietaria dell’Hotel di lusso, è costretto a rallentare, mandando all’aria tantissimi contratti. A raccontare la crisi è stata la stessa Imma Polese ai giornalisti nei mesi scorsi.

Imma Polesa racconta questo momento

“Trecentocinquanta, forse quattrocento. Ormai ho perso il conto delle disfatta, tra cerimonie e matrimoni. Si rende conto?” Racconta Imma Polese nelle pagine del settimanale Chi “Quattrocento sogni spezzati e tutto quel lavoro sottratto alla filiera. Poco fa abbiamo chiuso un contratto per un matrimonio, la data è 30 giugno 2022”. Numeri che fanno tremare, perché come una reazione a catena, vanno ad attaccare la vita di centinaia di lavoratori tra fornitori, dipendenti e operai.

“Siamo fermi completamente, E con noi dipendenti e fornitori. Abbiamo sempre avuto numero alti, davamo da lavorare a oltre cento persone. Quest’anno siamo al punto zero”.

Il Covid ha fatto anche una vittima nel Castello, si tratta di Donna Rita, moglie di don Antonio Polese. Ma anche gli altri familiari hanno preso il virus, costringendo a chiudere per alcuni giorno la struttura

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.